“L’ardua impresa dei Carabinieri di Marsciano”

“L’ardua impresa dei Carabinieri di Marsciano”


Riceviamo e pubblichiamo una lettera di un cittadino che, con sarcasmo, ironizza su quanto accaduto in questi giorni. Lunedì 3 giugno, in largo anticipo sulla visita di Matteo Salvini, alcuni agenti dell’Arma dei Carabinieri sono andati in alcune case del centro storico – presumibilmente quelle che affacciano su Piazza della Vittoria – sconsigliando di esporre striscioni in concomitanza del passaggio del Ministro dell’Interno a Marsciano. La cosa ha fatto storcere il naso a qualcuno, mentre c’è come sempre chi minimizza. La cosa certa è che Marsciano si è allineata a quanto è accaduto in passato in altre città italiane.

 

Marsciano, anno del signore 2019 mese, non so di chi, giugno, giorno, radioso, 3. Ero lì, affaccendato in faccende di cantiere quando odo squillare il telefono. Mia sorella mi dice:
“Ciao, sono stati qui a casa i carabinieri chiedendo, con molta cortesia, di non esporre striscioni o altro materiale, offensivo dalle nostre finestre in occasione dell’arrivo di Salvini a Marsciano”.

Potete non credermi, ma non avete idea di quanto mi faccia felice questa iniziativa dei nostri “fedeli” tesa a prevenire ogni nostra azione che possa rappresentare un reato.

PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE.

Ma vi rendete conto della fatica sostenuta a girare, casa per casa, per raccomandare beatamente e garbatamente di non fare azioni avventate che potrebbero ritorcersi su di noi. A Marsciano e comune siamo quasi 18’000 persone, una fatica improba, chiedete ai Testimoni di Geova, se non mi credete. Questa nuova politica di repressione dei reati, diretta alle singole persone avrà sicuramente un successone: una cosa è sapere che esiste un certo qual codice penale, altra è quella di sentirsi raccomandare direttamente di non fare una certa cosa.

Però a pensarci bene il codice penale è formato da 734 articoli, senza contare i bis, ter e quater e addirittura i terdecies; credo che per esporre i concetti di ogni singolo articolo occorrano almeno 20 minuti, forse 15 data l’alta formazione dei nostri impareggiabili fedeli. Detta alta formazione si scontrerà, inevitabilmente, con la zucconaggine di noi popolo bue, e questo farà allungare i tempi ad almeno 30 minuti che, per facilità di calcolo, riterremo comprensivi dei tempi di spostamento da casa a casa. Non voglio prendere in considerazione i ritardi dovuti alla cortesia di offrire un caffè e a quella di accettarlo. Comunque, un singolo operatore, che lavori le normali otto ore giornaliere, informerà su 16 articoli al giorno, da questo si evince che per informare una famiglia su tutto il codice serviranno, almeno, 45 giorni e 21 ore, sperando nell’assenza di cali di attenzione.

Parlo di famiglia perché non possiamo lasciare da sola, in questa improba fatica, l’Arma. Ogni persona che esercita la Patria Potestà, dovrà darsi da fare per diffondere il verbo. Ma torniamo a noi. La famiglia media italiana, con la piaga dell’omosessualità, delle teorie gender ed altre diaboliche trovate, si è ridotta; non ci sono più quelle belle famiglie numerose di una volta, adesso una famiglia consta mediamente
di 3 persone. Voglio essere ottimista, diciamo 3,5 persone. Allora, generalizzando, nel territorio del comune di Marsciano ci sono circa 5’142,86 famiglie. Lo 0,86 sarà determinato da qualche scapolo impenitente o da una coppia di fatto gay.

Abbiamo detto che un singolo operatore impiegherà 45 giorni e 21 ore, che adesso arrotonderemo a 46 giorni per concedere un attimo di pausa, per rendere erudita una famiglia, quindi occorreranno 236.571,56 giorni lavorativi per erudire tutto il comune di Marsciano. Non conosco la consistenza del corpo dei carabinieri del comune, ma l’impresa è ardua.

Sono altresì certo che la tenzone non spaventerà l’Arma che saprà affrontare la pugna con la consueta preparazione e tenacia. Non ci resta quindi che gridare con forza EVVIVA L’ARMA DEI CARABINIERI che tanto fa per noi. Solo mi auguro che durante questo sforzo i politici, che si sa sono birichini, non effettuino modifiche legislative. I nostri eroi dovrebbero ricominciare daccapo.

M.B.