25 maggio. In ricordo di Barbara e Roberto

25 maggio. In ricordo di Barbara e Roberto

Una data che unisce tristemente l’aggressione del 2013 a Roberto Burnelli e il ritrovamento, sei anni prima, del corpo senza vita di Barbara Cicioni. In ricordo della giovane mamma si terrà oggi una commemorazione nella frazione di Morcella

Il 25 maggio per Marsciano è una data tristissima, nella quale ricorrono insieme due gravi fatti di cronaca nera. Sette anni fa veniva ucciso all’interno della sua azienda agricola Roberto Burnelli: una notizia arrivata di mattina presto che sconvolse l’intero paese, per il gesto insensato dell’omicida e, soprattutto, perché la vittima era ben voluta e la sua attività molto conosciuta all’interno della comunità marscianese.

Sei anni prima, nel 2007, il 25 maggio fu il giorno che svelò l’omicidio di Barbara Cicioni, madre trentatreenne di due figli e incinta all’ottavo mese di una bimba. La donna fu uccisa dal marito nella notte del 24 maggio, tra le mura della propria casa.

A Roberto e Barbara, da sempre, va il ricordo dell’intera comunità e proprio oggi a Morcella, frazione dove era nata Barbara, si terrà una cerimonia commemorativa presso il parco del paese a partire dalle ore 17:00. Vi prenderanno parte i tanti amici della ragazza, gli abitanti della frazione, la diverse associazioni del luogo, oltre che la Sindaca Francesca Mele, l’Assessora alle politiche sociali Manuela Taglia e la giornalista Caterina Emili.

Nell’invito alla cerimonia si ricorda che il luogo all’aperto consente una partecipazione numerosa, seppur rispettando tutte le regole del caso: “venite con la mascherina, ma venite; nessun virus può impedirci questo gesto civile e affettuoso”.