Alfio Todini confermato Sindaco di Marsciano

Alfio Todini confermato Sindaco di Marsciano

Alfio Todini si conferma sindaco con il 54 per cento delle preferenze. La festa in casa Partito democratico scatta quando mancano ancora un paio di seggi. Ma i dati in possesso dei dirigenti del Pd non lasciano dubbi. Ma come si è arrivati alla riconferma di Todini? Ecco una breve cronaca. 

Giornata calda e affluenza che si avvicina al 50 per cento solo dopo le ore 21. Gli stati maggiori di Alfio Todini e Sabatino Ranieri hanno presidiato i 19 seggi cercando di scrutare gli elettori che ora dopo ora si presentavano ai seggi. In sala stampa venti minuti dopo le ore 23 mentre i dati sull’affluenza sono vicini al 60 per cento arriva il primo dato ufficiale da Migliano. 

Ed è una sorpresa perché Todini a Ranieri fanno 58 a 58 mentre il 25 maggio era finita 72 a 25. Compignano porta avanti Todini che raccoglie 84 preferenze e Ranieri 36. Il 25 era 89 a 24. Il dato di Badiola dice 100 a 80 a favore di Todini maaniene in testa il sindaco uscente. I dati continuano ad affluire e dopo sette seggi ufficiali Todini è in testa con 1074 preferenze contro le 856. Arrivano altri seggi e Todini continua a comandare. 

Dopo 12 seggi scrutinati Todini conta 2380 preferenze e Ranieri 1878. La tensione è palpabile e i dati sullo schermo tranquillizzano i sostenitori di Todini visto che la percentuale è 55.8 per Todini che cala a 54 con l’arrivo della sezione 1. Ormai il ballottaggio ha emesso la sua sentenza e alla fine Todini conquista 4.464 (53.38 per cento) preferenze mentre Ranieri si ferma a 3.899 (46.62). Ancor prima che i dati ufficiali si completino nella sede del Pd scoppia l’entusiasmo. Tanta gente si è radunata davanti e dentro la sede. Gli applausi si sprecano. Tutti gridano il nome del sindaco riconfermato. Tra ai primi a complimentarsi con Todini è il collega tuderte Carlo Roscini. 

Nascosta tra la folla anche la presidente Catiuscia Marini. Todini è evidentemente commosso e l’emozzione aumenta quando si fa largo tra la gente mamma Silvana. L’abbraccio è lungo e intenso. Compaiono bottiglie di spumante e Todini si improvvisa pilota di Formula 1 inondando chi gli è davanti. Tra le prime cose che dice Todini riguarda la caserma dei carabinieri. “Chiamerò subito il colonnello per concretizzare la nuova caserma”. Certo della vittoria? “Soprattutto perché abbiamo lavorato bene e sono contento che i marscianesi ce lo hanno riconosciuto”. 

“E’ stata una campagna dura – aggiunge Todini – anche perché si sono dette tante cose inesatte. Ma alla fine ha prevalso la ragione”. La festa continua in piazza dove Todini improvvisa un breve comizio che è soprattutto un ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati nella campagna elettorale. Cosa dice ai suoi elettori e a chi non l’ha votato? “Dico grazie a tutti coloro che mi hanno dato il loro sostegno e dico agli altri che sarò come sempre il sindaco di tutti”. Dei candidati che lo hanno combattuto non dà un giudizio idilliaco. Scrutando i dati finali emerge che Todini ha conquistato la maggioranza in 12 seggi su 19 mentre su uno è finito alla pari. Percentuale più alta ancora a Villanova con l’81.10 per cento. Per Ranieri è sempre la sette di Ammero quella che gli ha regalato il massimo dei voti (61 per cento).