Altra Marsciano. Obiettivo rifiuti 0 (e taglio TARI)

Altra Marsciano. Obiettivo rifiuti 0 (e taglio TARI)

L’Altra Marsciano, dopo aver formalmente presentato il nuovo simbolo ed aver lanciato l’appello per possibili alleanze con liste civiche, inizia a parlare di programmi e punti programmatici in vista delle elezioni di maggio 2019. Il primo argomento cardine della campagna elettorale è quello dell’ambiente, con la strategia “Rifiuti Zero” che torna prepotentemente d’attualità dopo le novità introdotte dall’Amministrazione sul servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici. “Una bella iniziativa – dicono gli esponenti di AM – che ci offre la sponda per parlare di quello che invece si potrebbe e dovrebbe fare”.

Bene la raccolta domiciliare e gli incentivi, ma quello a cui si punta è ricalcare l’esempio di Capannori. Con una popolazione di 46 mila abitanti ed una superficie simile a quella di Marsciano, il comune lucchese, dopo undici anni di strategia Rifiuti Zero, ha raggiunto risultati considerevoli: 85% di raccolta differenziata, produzione di rifiuti pro-capite annua al di sotto della media nazionale (431 kg contro 487 kg), costi delle nuove assunzioni coperti col mancato smaltimento di rifiuti indifferenziati e, soprattutto, riduzione della TARI pari al 20% sulla parte variabile.

Ma come funziona il sistema? Con l’utilizzo di sacchetti per l’indifferenziato dotati di un’etichetta adesiva contenente un chip associato univocamente all’utenza: al momento del prelievo avviene la registrazione dei dati, che vengono poi trasmessi al sistema informatico, attribuendo così la precisa tassazione al relativo utente. Con questo metodo L’Altra Marsciano punta ad una “tariffazione puntuale, o incentivante, dove a guadagnarci sono le famiglie, i comuni ed l’ambiente, ovvero tutte le parti chiamate in causa nel ciclo dei rifiuti”.

“Chi produce meno indifferenziato paga meno, premiando così i cittadini più virtuosi” sentenziano gli esponenti della lista, aggiungendo poi che “questo sistema introduce un elemento di equità, una maggiore sostenibilità ambientale ed economica: la produzione di rifiuti viene ridotta considerevolmente, riduzione della quale beneficia anche l’importo della TARI, senza contare i risvolti occupazionali generati dall’introduzione della raccolta porta a porta”.

“Per una nuova amministrazione a Marsciano e per far rendere al meglio questo sistema – concludono – un elemento fondamentale è la partecipazione dei cittadini, un’incisiva campagna d’informazione ed assemblee pubbliche: quando la comunità partecipa alle scelte riguardanti il territorio i risultati positivi sono la diretta conseguenza”.

COMMENTS

DISQUS: 0