Bassetti alla presidenza Cei: con Papa Bergoglio è possibile

Bassetti alla presidenza Cei: con Papa Bergoglio è possibile

Avevamo già a suo tempo scritto della nomina dell’Arcivescovo di Perugia, Gualtiero Bassetti, a Cardinale. È di questi giorni, invece, l’indiscrezione che il reggente della diocesi del capoluogo umbro potrebbe addirittura andare alla guida della Cei, la Conferenza Episcopale Italiana, assemblea permanente di vescovi che ricopre particolare importanza – e peso – soprattutto nei rapporti tra Chiesa e Stato Italiano. Secondo indiscrezioni che girano tra vari organi di stampa, infatti, sembrerebbe che le “rivoluzioni” operate per mano di Papa Francesco non siano ancora finite: l’ultima concernerebbe proprio la nomina del presidente della Cei che, per consuetudine, dovrebbe essere nominato dal Santo Padre in persona, ma il condizionale è d’obbligo con il nuovo Vescovo di Roma.

L’intenzione di Papa Bergoglio, infatti, sarebbe quella di far votare agli stessi vescovi il nome di chi li dovrebbe rappresentare nell’importante organismo. A loro volta però, molti di questi, non vorrebbero stravolgere le regole lasciando comunque al Papa l’ultima parola: si profila dunque la possibilità di una rosa di nomi, scelta dai vescovi stessi, ma da sottoporre al Pontefice, che avrebbe (suo malgrado?) potere decisionale.

In questo caso pare che la candidatura di Bassetti possa essere forte: già vice-presidente della Cei nel 2009 (vincente, in una sorta di derby profano, sul vescovo di Terni) è anche presidente della conferenza episcopale regionale. Inoltre il suo impegno in favore dei povere e dei più deboli, senza dimenticare il suo prodigarsi per opere concrete di carattere sociale, dovrebbero portarlo in cima alle preferenze del rivoluzionario pontefice argentino.