Centro Commerciale ad Ammeto: Costantini dice Si

Centro Commerciale ad Ammeto: Costantini dice Si

Dal Popolo della Libertà al Popolo dei Centri Commerciali (PCC): pare questo il passaggio fatto da Cristiano Costantini, consigliere comunale d’opposizione e che in questa estate non troppo torrida tiene vivo il dibattito politico con i suoi comunicati stampa.

Che ci sia dietro un tentativo di autocandidatura come Sindaco del centrodestra? Ma forse l’abbondare di comunicati spediti da Costantini in questi mesi potrebbe derivare dalla maggiore ispirazione che trova con il caldo.

In questo caso l’oggetto del contendere è il centro commerciale che si vorrebbe realizzare all’Ammeto, all’angolo fra i due già esistenti (Lidl e Cross Conad); una struttura da 2500 mq che andrebbe a sommarsi agli altri centri commerciali del territorio (almeno 4 esistenti e 13 supermercati solo nel capoluogo).

Il tema fu discusso fra Febbraio e Marzo, iniziò a girare la voce di questo interessamento da parte di Coop per la realizzazione di questa struttura ed in pochissimo tempo sollevarono gli scudi sia gli oppositori di sinistra, con Rifondazione Comunista che denunciò subito l’inutilità e la pericolosità di questa nuova struttura, sia il partito di governo, ovvero il Pd, che con una dichiarazione congiunta di Massimo Ceccarelli (capogruppo in Comune) e Gionata Moscoloni (consigliere e segretario territoriale), definirono superflua per la rete commerciale marscianese questa nuova colata di cemento ad uso commerciale di 2500 mq.

Con qualche mese di ritardo arriva la presa di posizione favorevole di Cristiano Costantini: “L’edificio commerciale che si deve realizzare in località Ammetto aiuterebbe l’area a diventare un polo commerciale di tutto rispetto per l’area del la Media valle del Tevere” – si legge in una nota – “Il Comune di Marsciano ha avuto un forte incremento della popolazione che si è tramutato in aumento della domanda di servizi pubblici e di una maggiore offerta commerciale che la si può soddisfare operando attraverso il recupero di edifici esistenti, come è il caso della struttura dell’Arco di P.zza Carlo Marx, per sostenere anche progetti commerciali”. Il Consigliere conclude affermando che “non ci sono norme tecniche ostative per un nuovo edificio commerciale nel quartiere di Ammeto, perchè il piano di lottizzazione lo prevede in quanto è inserito nelle previsioni dello strumento urbanistico generale e fu approvato da parte di tutto il Consiglio Comunale”.

Proprio per conoscere lo stato d’avanzamento dell’iter procedurale, il Consigliere Costantini ha chiesto al Presidente della Prima Commissione Comunale di convocare in audizione l’Assessorato competente, i tecnici comunali interessati al procedimento al fine di illustrare fattibilità e stadio di avanzamento dell’ istruttoria.

In attesa di altre prese di posizione…