Centrodestra: la ricostruzione è stata mal gestita, la Settevalli una vergogna

Centrodestra: la ricostruzione è stata mal gestita, la Settevalli una vergogna

Il Centrodestra di Marsciano, come promesso in campagna elettorale, sta iniziando a girare il territorio per incontrare la popolazione e capire quali sono le maggiori problematiche da risolvere nelle varie frazioni marscianesi; la settimana scorsa ha organizzato un incontro, coordinato dal Consigliere Andrea Pilati, alla sala lettura di Spina.

“La ricostruzione post-terremoto rappresenta ovviamente la prima preoccupazione espressa dalla gente – si legge nella nota stampa a firma di Francesca Mele – ciò in quanto, purtroppo, c’è stata una gestione poco attenta dei contributi per l’autonoma sistemazione, assegnati – e versati tutt’oggi – ad esempio anche a chi aveva gli immobili in locazione, o addirittura concessi in ipotesi dubbie; ciò ha comportato un conseguente depauperamento delle risorse economiche disponibili per la ricostruzione dei danni subiti dalle abitazioni – quasi 4 Milioni di euro, questo il costo ad oggi dell’autonoma sistemazione, tutto sottratto ai fondi per la ricostruzione. Il vizio tutto italiano di attingere ai fondi e risorse pubbliche pensando al proprio tornaconto e non alle conseguenze nelle tasche di tutti non ha risparmiato neppure una realtà come quella locale”.

“La seconda questione segnalata nel corso della serata è stata quella relativa alle condizioni disastrose della Via Settevalli, rappresentante il collegamento principale per Perugia non solo di Spina, ma di tutta la parte nord del Comune di Marsciano: pur avendo espresso il proprio apprezzamento per la sollecitazione già rivolta dal Consigliere Pilati alla Provincia, i cittadini hanno sollecitato iniziative unitarie che coinvolgano tutti gli abitanti (e utenti) delle frazioni interessate”.

“Infine – si conclude la nota – si è rappresentato lo scontento per la decisione dell’Amministrazione Comunale di ridurre le dimensioni della (famosa e tanto rimandata) piscina di Spina, per ragioni di budget. Gli abitanti di Spina ricordano con piacere e con orgoglio gli anni in cui la Polisportiva che organizzava corsi e gare proprio presso la piscina di Spina, riusciva ad aggregare tantissimi giovani e appassionati di discipline natatorie. Quindi, la prospettiva che dopo tante promesse elettorali (scorrendo tutti i programmi elettorali della Sinistra a Masrciano, la realizzazione della piscina a Spina è una costante…) e dopo tanto rimandare l’inizio dei lavori, il risultato sia una piscina non adatta neppure alle competizioni sportive, lascia veramente con l’amaro in bocca , hanno concluso a fine serata gli spinaioli intervenuti”.

La prossima riunione sarà organizzata nella frazione di San Biagio, data e luogo ancora da definire.