Comunità Montana, buco da 15mln di euro; chi paga?

Comunità Montana, buco da 15mln di euro; chi paga?

C’era una volta la Comunità Montana del Trasimeno, poi confluita nell’Agenzia Forestale dopo la cancellazione delle Comunità Montane avvenuta 4 anni fa; da allora, fra dimissioni e cambi al vertice, il commissario liquidatore ha cercato di vendere, senza successo, parte del patrimonio per cercare di risanare i conti lasciati in eredità dall’ente oramai andato in pensione ma buona parte delle aste sono andate deserte ed i milioni di euro di debito restano.

Ora il rischio è che i 13 Comuni che facevano parte della Comunità Montana debbano farsi carico di questo importante debito: si parla di una quindicina di milioni di euro di debiti; 5 milioni dovrebbe essere il buco di bilancio ed una decina di milioni sono i mutui attivati e da saldare; oltre a questo ci sarebbero circa 3 milioni di euro di crediti difficilmente esigibili.

Il Commissario liquidatore Domenico Rosati, vista l’impossibilità di risolvere la vicenda, ha cercato di incontrare i 13 sindaci del Trasimeno e della Media Valle del Tevere per illustrare la gravità della situazione: se l’ipotesi che a pagare i debiti debbano essere le 13 municipalità verrà portata avanti, ci saranno molti problemi di bilancio per vari comuni, visto che si parla di cifre molto importanti.

I Sindaci non ci stanno e dicono che non è giusto che siano loro a dover pagare per le responsabilità degli altri, una situazione non facile da risolvere, soprattutto alla luce del fatto che le aste per la vendita degli immobili vanno spesso deserte; che fare?

Nessuno lo sa quale possa essere la soluzione, dopo ferragosto i sindaci si incontreranno di nuovo con il liquidatore per aprire una trattativa con la Regione e trovare una soluzione che non affossi definitivamiente i bilanci dei 13 comuni coinvolti.

COMMENTS

DISQUS: 0