Congresso del Pd provinciale: Todini e Moscoloni nel toto-nomi

Congresso del Pd provinciale: Todini e Moscoloni nel toto-nomi

Si avvicinano i congressi territoriali del Partito Democratico ed a Perugia è tutto in alto mare in vista delle candidature che da qui a breve dovranno essere presentate per le segreterie provinciali; tanti i nomi che circolano, i quotidiani ed i portali di informazione stanno dando molto spazio ai retroscena di questo congresso che sarà abbastanza imprevedibile.

Si sa, nell’Umbria che non ha mai cambiato colore, quando il “partito di governo” va a congresso se ne parla e molto; anche Marsciano pare protagonista di questa sfida, che vedrà probabilmente i renziani prendere il controllo del partito; al momento, per evitare guerre con spargimenti di sangue, pare che ci possa essere un accordo fra le correnti interne per individuare una rosa di nomi condivisa da proporre per la segreteria.

Per ricoprire l’incarico di segretario non bisogna essere amministratori in comuni con più di 50.000 abitanti; con una deroga si aggirerebbe anche questo ostacolo.

In questo toto-nomi apprendiamo da Umbria24 che un papabile fra i renziani per la segreteria potrebbe essere Gionata Moscoloni, consigliere comunale, segretario del circolo marscianese del Pd e renziano della prim’ora.

Secondo le foglie del Messaggero ed altri articoli sarebbe invece il Sindaco di Marsciano Alfio Todini a puntare alla segreteria in “quota Cuperlo”.

Abbiamo interpellato entrambi i marscianesi: “L’unica candidatura mia è per la carica di Sindaco a Marsciano il prossimo anno” ci ha detto Alfio Todini “ho letto spesso questi rumors su una mia eventuale candidatura per incarichi provinciali o regionali nel partito ma visto che lo hanno scritto sulle “Foglie”, che spesso non azzeccano le previsioni, posso stare tranquillo”; anche Moscoloni respinge queste ricostruzioni: “Io non sono candidato a niente, abbiamo condiviso un progetto e lo stiamo portando avanti; le voci su di me sono fatte girare volutamente da qualche perugino ma non sono vere; io scopro di essere candidato a qualcosa dalla stampa ma nessuno me lo ha mai chiesto; fra l’altro stanno innescando una girandola di nomi con candidature fatte al volo senza parlare un minimo di quello che sta succedendo in umbria e nella provincia e senza un minimo di condivisione coi territori.”

Entro venerdì alle 20 i nodi saranno sciolti.