E’ nata l’associazione dei richiedenti asilo: 24 ragazzi per dire grazie a Marsciano

E’ nata l’associazione dei richiedenti asilo: 24 ragazzi per dire grazie a Marsciano

Mentre va avanti la polemica sull’accoglienza di migranti minori a Sant’Elena, con un progetto che probabilmente dovrà arrestarsi davanti al parere contrario di buona parte dei partiti e dei cittadini del posto, a Marsciano qualcosa si muove sul fronte dei richiedenti asilo. Sono belle notizie quelle che arrivano dal capoluogo comunale, dove 24 ragazzi africani, residenti a Marsciano e Civitella dei Conti, si sono riuniti formando un’associazione di volontariato, con lo scopo di restituire qualcosa al territorio che li ha accolti da tre anni a questa parte.

Domenica 19 marzo si è svolta la riunione per costituire l’associazione e, al contempo, la votazione per stabilirne il presidente. L’associazione si compone ora di 24 persone, comprese tra i 18 ed i 37 anni: tra i 7 candidati a presidente, è stato eletto a maggioranza Mohamed Sanogo, ivoriano ventisettenne, arrivato a Marsciano ormai da quasi 3 anni anni.

L’idea dei ragazzi è quella di poter svolgere qualche piccolo lavoro di volontariato, di aiuto alla popolazione più bisognosa, o trovare qualche impiego per donare un po’ del loro tempo a chi ha voluto accoglierli in questi mesi dopo il lungo viaggio dalla Costa d’Avorio, dal Mali, dal Senegal, dal Gambia, dal Togo e dalla Guinea

È stata una grande giornata per tutti i ragazzi africani che hanno celebrato questa giornata, per loro in qualche modo storica, con i dovuti festeggiamenti ed una sana partita a calcio. Gesti di una normalità disarmante per chi, fin qui, ha vissuto una vita veramente fuori dall’ordinario.

“È stata una bellissima giornata – ha dichiarato il neo presidente Sanogo – e poter essere assieme per tutto il pomeriggio ci ha reso felici. Non sappiamo esprimere quanto ci troviamo bene a Marsciano, ma abbiamo il problema di non poter disporre ancora di una sede legale per la nostra nuova associazione. Ma ce la faremo.”