Eolico al Peglia: 3 giorni di incontri per dire no a 18 torri di 150 metri.

Eolico al Peglia: 3 giorni di incontri per dire no a 18 torri di 150 metri.

Continuano nel territorio ternano le iniziative per informare la popolazione sul progetto che prevede la costruzione di un parco eolico in cima al Monte Peglia, nei territori di San Venanzo e Parrano.

Si torna a riparlare di questa ipotesi perchè proprio nei giorni scorsi è stato ripresentato e pubblicato nel Bur n.13 il progetto per la costruzione di un impianto eolico composto da 18 torri alte 150 metri; dopo una prima presentazione l’istanza era stata rigettata da parte degli uffici della Regione per errori nella presentazione della domanda stessa; ora invece ci sono 60 giorni per presentare le proprie osservazioni ed il progetto è stato depositato in tutti i 56 comuni che potranno “godere” della vista diretta su questo parco fotovoltaico al Monte Peglia.

Di fatto, in questi anni, tutti si sono schierati contro questo progetto: dai Sindaci dell’area agli amministratori regionali fino ad arrivare a esponenti politici nazionali di tutti gli schieramenti ma tutto ciò non ha né fermato né rallentato l’avanzata di questo progetto.

Il Sindaco di San Venanzo, Marsilio Marinelli, anche in questa occasiona ha dato il suo appoggio alla tre giorni di mobilitazione: “L’iniziativa appare meritoria essendo il nostro territorio minacciato da un progetto per la realizzazione di un impianto mega-eolico costituito da 18 torri sui crinali del Monte Peglia, al quale l’amministrazione comunale di San Venanzo, unitamente ai Comuni limitrofi, ha da sempre manifestato la propria totale contrarietà”.

Ad organizzare le iniziative di 3 giorni è il Centro di studi ornitologici di Todi che ha messo in agenda un appuntamento a San Venanzo venerdì 10 aprile alle 17.30, presso la Sala Riunioni della Comunità Montana, dove verrà proiettato il documentario Green Lies e verrà presentato il progetto che prevede l’installazione di 18 pale eoliche al Monte Peglia.

Per il giorno successivo è prevista la proiezione dello stesso documentario a Todi, al Museo della Pinacoteca mentre per domenica 12 aprile è stata organizzata una visita all’itinerario naturalistico ornotologico al Parco dei Sette Frati, nel Comune di San Venanzo, con ritrovo e partenza alle ore 9:00 per 7 km di passeggiata.

Il documentario Green Lies cerca di mettere in evidenza il volto sporco dell’energia pulita, quando non sempre dietro alle energie rinnovabili si nasconde un mondo migliore: la produzione di energia da fonti non combustibili è un grande passo in avanti ma questo documentario si concentra anche sulle operazioni di speculazione economica che possono avere ricadute negative sui territori e sulle popolazioni, portando gli esempi dell’eolico di Camugnano (BO), del solare del Salento e dello sfruttamento della geotermia al Monte Amiata.