Esplode bancomat. Rapinatori in fuga a mani vuote

Esplode bancomat. Rapinatori in fuga a mani vuote

Un tentativo di rapina è avvenuto stanotte intorno alle 3 presso la filiale Ubi Banca di Via dei Partigiani, nel quartiere Ponte. Doveva essere una rapina in “grande stile” considerato che i malviventi in piena notte hanno tentato di far saltare il bancomat che affaccia sul parcheggio: visto il fallimento gli stessi si sono dileguati approfittando dell’oscurità. Così raccontano alcuni testimoni dell’accaduto, parlando di due uomini in fuga di corsa dopo il gran botto che ha svegliato l’intero quartiere e di voci che si affannavano a ripetere di scappare.

Già 12 anni fa la stessa sede, allora con altra proprietà, era stata oggetto di un colpo, ma quella volta i rapinatori avevano agito di giorno e disarmati, riuscendo ad arraffare comunque poche migliaia di euro. Stavolta per la tentata rapina è stato usato un metodo meno convenzionale, ma che ha prodotto zero risultati. Con l’esplosivo – ad una prima analisi sembra sia stata utilizzata una bomba al plastico – i rapinatori hanno tentato letteralmente di sventrare lo sportello automatico, col solo risultato di provocare ingenti danni allo stabile, sia esternamente che internamente, con porte divelte e pareti danneggiate. Il bancomat ha resistito all’urto ed i maldestri rapinatori non hanno potuto fare altro che scappare in tutta fretta.

Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine che hanno cominciato subito i rilievi per fare chiarezza su quanto avvenuto: probabilmente ci si affiderà come di consueto alle immagini di sorveglianza, ma risalire ai responsabili non sarà facile. Con ogni probabilità le due persone che sono state viste fuggire non erano sole, ma affiancate nella rapina da qualcuno che faceva da palo, forse in automobile e non distante dalla banca. Considerata la zona ad alta densità di popolazione, i malviventi sarebbero scappati lungo la strada che conduce all’isola ecologica, lungo la quale potrebbero essersi ricongiunti con i probabili complici. I carabinieri hanno subito attivato posti di blocco nel territorio comunale.