Forza Italia su PD, insulti e dietrofront

Forza Italia su PD, insulti e dietrofront

Mentre da sinistra continuano a piovere critiche sulla Lega e sul suo ultimo comunicato e mentre la stessa Lega, con un suo esponente di spicco, cerca di smarcarsi dalle polemiche dicendo che sono stati fraintesi e che le parole riportate nell’articolo del 25 maggio sono state estrapolate dal contesto, c’è qualcuno che prova ad argomentare le proprie idee in modo più intelligente, seppure rimarcando la propria contrarietà al progetto che la comunità islamica marscianese vorrebbe vedere realizzato.

Una nota stampa a firma Pilati – Borzacchiello, infatti, prende atto dell’ammissione pubblica del Pd sull’inopportunità del progetto e lo fa sottolineando come i Dem facciamo esplicitamente riferimento a quelle “problematiche tecniche, alla necessità di garantire la sicurezza dei cittadini e il rispetto delle leggi da subito sottolineate e formalizzate” dalla stessa Forza Italia, dai cittadini e da alcuni imprenditori.

Certo non è tutto rosa e fiori nel comunicato di Forza Italia, visto che proprio il Pd aveva accusato i partiti di centrodestra di atteggiamenti e toni xenofobi e divisivi. Accuse che Pilati e Borzacchiello rispediscono al mittente, imputando proprio all’Amministrazione il clima di tensione venutosi a creare. “Una sinistra cieca e sorda alle istanze della comunità” e una “Amministrazione che ha provato ad andare dritta per la sua strada, cercando di imporre ancora una volta una decisione non partecipata”. Così parlano gli esponenti forzisti.

“Tutta la nostra azione politica, dall’inizio della consiliatura, – scrive il consigliere Pilati – è sempre stata guidata da una grande attività di studio ed approfondimento. Ogni atto, mozione o semplice presa di posizione sulla stampa è sempre stata preceduta da approfondimenti tecnici e normativi, così da poter proporre non solo posizioni politiche credibili, ma anche efficaci e sostenibili”. Un “piccolo patrimonio” che il consigliere e il suo staff vogliono “conservare gelosamente come valore aggiunto da portare a Marsciano”.

“Mai si è inteso individuare un nemico – continua Pilati – ma le esigenze di un gruppo devono essere mediate con quelle di tutta la comunità. Esistono dei momenti in cui non è opportuno fare accelerazioni e questo, per la sua particolarità storica nazionale ed internazionale, è uno di quelli”.

Dopo gli “inviti caduti nel vuoto” Forza Italia, nonostante il clima sembri distendersi, vuole continuare sulla propria strada ed in questo percorso è ancora prevista la scarsa fiducia in una “Amministrazione che è abituata a gestire il comune come il giardino di casa propria e che non cambierà ora il suo modo di fare”.

La chiusura non può che essere quella tipica di una campagna elettorale (come più volte ripetuto, ormai in pieno, prematuro, svolgimento). Nonostante la vicenda moschea sembri avviata ad una “soluzione positiva” i marscianesi, secondo i coordinatori di Forza Italia, “devono avere il coraggio di cambiare amministrazione”. “Noi sentiamo tutto il peso delle aspettative di chi guarda dalla nostra parte e sapremo trasformarle il prospettive concrete per Marsciano”.

COMMENTS

DISQUS: 0