Genitori al lavoro all’Ammeto per il giardino della scuola

Genitori al lavoro all’Ammeto per il giardino della scuola

Un giardino per tutti, tutti per un giardino’. Non è solo uno slogan ma un’idea concreta che nasce dalla collaborazione tra scuola, famiglie e amministrazione comunale. 

La scuola è quella dell’infanzia di Ammeto e l’idea parte da un gruppo di amici e genitori di bambini che frequentano quell’istituto, che hanno deciso di lavorare insieme per rendere più bello e funzionale il giardino antistante la scuola, di fatto esistente, ma inutilizzabile, per renderlo fruibile a tutti i ragazzi. Il punto di partenza per questa iniziativa è stato un progetto scolastico. 

“È un progetto di service-learning portato avanti dalla scuola dall’inizio dell’anno scolastico 2015-2016 – dicono i genitori che si sono fatti promotori dell’iniziativa attraverso un comitato – fortemente voluto dalla dirigente scolastica Elvira Baldini e dalle insegnanti. Un’idea – proseguono – che richiede il supporto delle famiglie, con l’obiettivo di realizzare un progetto comune per il bene degli alunni della scuola di infanzia di Ammeto, che ci auguriamo possa diventare il fiore all’occhiello della realtà scolastica comunale”. 

L’obiettivo primario è quello di poter garantire accessibilità all’area giochi esterna. “È da qui che è partita l’idea del giardino inclusivo, dove tutti i bambini possano giocare insieme e rendere il gioco all’aperto divertente e ricreativo. Per noi sarebbe motivo di orgoglio poter entrare negli elenchi come la prima scuola in Umbria dotata di giochi inclusivi”. 

Nell’elaborazione del progetto si è valutata la possibilità della posa in opera di una pavimentazione in gomma riciclata, soprattutto per i vantaggi in termini di accessibilità, economicità ed ecosostenibilità. Altra ipotesi è quella della realizzazione di un piccolo orto didattico, da realizzare nello spazio ubicato tra i due accessi pedonali della struttura scolastica, oltre ad un camminamento con pavimentazione in pvc con finitura antisdrucciolo. Per la parte da dedicare all’area giochi saranno prima di tutto ricollocati i giochi già in dotazione della scuola. Nella parte di sud est del giardino sarà realizzata un’aula all’aperto ombreggiata, dove oltre allo svolgimento di lezioni all’esterno sarà realizzata anche un quinta teatrale in modo da poter essere utilizzata anche per attività teatrali, dove gli alunni potranno essere attori e/o spettatori. L’idea è di realizzare un anfiteatro con sedute in legno con sovrastante pergolato in legno e stuoini ombreggianti. 

Per tutto questo è nato un vero e proprio comitato: il ‘Comitato Giardino Inclusivo’. Comitato che ha già messo in moto alcune iniziative, con l’obiettivo di sensibilizzare e raccogliere fondi per trasformare le idee in progetti concreti. La prima, ancora in atto, è la sottoscrizione a premi la cui estrazione avverrà domenica 15 maggio presso il Parco Ammeto in occasione della festa della Famiglia.