Giovanni Marcacci si è dimesso da coordinatore di Proposta Marsciano

Giovanni Marcacci si è dimesso da coordinatore di Proposta Marsciano

Il nuovo Centro Commerciale di Ammeto, votato ieri dai consiglieri di maggioranza, ha creato una prima vittima: Giovanni Marcacci si è dimesso dal ruolo di coordinatore politico di Proposta Marsciano ed ha comunicato la scelta questa mattina al Presidente Alvaro Baroni.

Ora sarà Baroni a decidere quello che fare ed a breve ci saranno sviluppi sulla vicenda; “Mi sono dimesso perchè evidentemente, da coordinatore politico, non sono riuscito a tenere stretto il legame fra il direttivo di PM e la rappresentanza consiliare – ci dice Giovanni Marcacci – il direttivo del movimento civico non si è mai espresso a favore dell’approvazione della variante ed il voto di ieri del rappresentante di PM in Consiglio Comunale non è stata la giusta sintesi fra il volere del movimento e quello dei rappresentanti”.

Ieri infatti il rappresentante in Consiglio Comunale Michele Rabica ha votato a favore di questa nuova struttura ad Ammeto; ci sono stati incontri serrati nelle ultime settimane ma ancora una volta Proposta Marsciano si è trovata “non rappresentata” in Consiglio Comunale e questo ha portato Giovanni Marcacci a dimettersi.

Il professore fondò 21 anni fa il movimento civico, forza questa che è sempre entrata in Consiglio Comunale in questi anni; le prime grane iniziarono sul finire della scorsa legislatura quando Marcacci si dimise da consigliere per fare spazio a nuove “forze da lanciare in politica” ma qualcosa non andò secondo i piani e salì in Consiglio,per gli ultimissimi mesi di consiliatura, Roberto Consalvi, in rappresentanza però di Fratelli d’Italia.

Alle ultime elezioni PM puntava ad essere la seconda forza della maggioranza ma questo non è avvenuto; in giunta per la lista civica si trova Luigi Anniboletti mentre in Consiglio Comunale è rappresentata da Michele Rabica di Castello delle Forme.

Ora queste dimissioni di Giovanni Marcacci aprono molti scenari, ci sarà probabilmente una conta o comunque un chiarimento su quanto successo e dovrà capire se PM continuerà a vivere così com’è strutturata ora o se cambierà qualcosa; nei prossimi giorni ci saranno probabilmente degli sviluppi sulla vicenda.