Grande festa per il tennis a Mercatello

Grande festa per il tennis a Mercatello

Mercatello in festa per l’inaugurazione del campo da tennis presso lo spazio verde del borgo del nord di Marsciano; è dall’inizio dell’estate che si sente spesso il rumore della palla da tennis riecheggiare a Mercatello ma sabato scorso c’è stata la vera e propria inaugurazione con una cerimonia molto partecipata dalla cittadinanza, con la presenza di rappresentanti delle associazioni locali e dell’amministrazione comunale.

I lavori, andati un pò per le lunghe per alcuni intoppi nella fase di costruzione, sono stati finanziati con 32mila euro dal Comune di Marsciano cui si è aggiunto un contributo di 7mila euro per la realizzazione dell’impianto di illuminazione del campo da parte dell’associazione Gruppo Sportivo e Culturale tennis club Mercatello al quale è affidata anche la gestione e manutenzione del campo.

I lavori per il campo hanno comportato la stesura di un tappeto di asfalto sopra il quale è stata posata la pavimentazione sintetica elastica realizzata con resina acrilica. Quindi sono state fatte le restanti finiture a partire dalla realizzazione delle righe di delimitazione dell’area di gioco; ed ora Mercatello ha finalmente un campo da tennis degno di questo nome che va a sostituire quello costruito 34 anni fa.

Nel corso della giornata di festa si è anche trovato spazio per ricordare quella prima inaugurazione di 34 anni fa con un incontro fra gli stessi due tennisti che inaugurarono la struttura nel 1984: Lorenzo Fasola vs Nicolò Cinti; proprio a Lorenzo Fasola ed alla sorella Maria Camilla è stata consegnata una targa in ricordo del padre recentemente scomparso, il dottor Andrea Fasola Bologna “per aver reso possibile la realizzazione degli impianti sportivi di Mercatello” come si legge nella targa stessa.

Il campo da tennis è a disposizione degli appassionati tutti i giorni dalle ore 9 alle 23 con tariffe di 4 euro all’ora per il diurno e di 5 per il notturno; è possibile chiedere informazioni al 3496121876.

FOTO di Daniele Pochini

COMMENTS

DISQUS: 0