Il centrosinistra della Media Valle a raccolta. Todini punta su cooperazione, sanità e giustizia

Il centrosinistra della Media Valle a raccolta. Todini punta su cooperazione, sanità e giustizia

Una sinergia proficua, chiara, propositiva e continua: è quello che rivendicano i sindaci, uscenti e candidati alle prossime elezioni, dei comuni della Media Valle del Tevere. In particolare sulla questione si è espresso ripetutamente il sindaco di Marsciano, Alfio Todini, che si ripresenterà per il centrosinistra anche nella tornata elettorale del 25 maggio prossimo.

“E’ un dato di realtà, in queste settimane di campagna elettorale, mentre dagli altri arrivano solo messaggi di particolarismi, nelle città della Media Valle del Tevere, sono le forze di governo di centro sinistra che stanno affrontando il tema della cooperazione territoriale tra le varie amministrazioni”. Così il primo cittadino di Marsciano ha aperto il dibattito che si è tenuto martedì 6 maggio e promosso dalla coalizione che lo sostiene: insieme a lui, alla sala Capitini, erano presenti Carlo Rossini, Sindaco di Todi, Giuliana Bicchieraro, candidata Sindaco di Fratta Todina, Maria Pia Bruscolotti, Sindaco e candidata Sindaco di Massa Martana, Isabella Costantino Cannavicci, candidata al Consiglio comunale di Collazzone, Marsilio Marinelli, candidato Sindaco di San Venanzo, Diego Mazzocchini, candidato Sindaco di Monte Castello di Vibio. Obiettivo dell’incontro era presentare il programma di governo delle varie amministrazioni con particolare riferimento alla cooperazione tra i vari Comuni del territorio per la gestione e razionalizzazione di servizi ai cittadini, punto in comune delle varie realtà territoriali.

La Media Valle del Tevere deve, nelle intenzioni degli esponenti del centrosinistra, improntare la sua politica sulla rimodulazione dei servizi – da quelli alla persona a quelli del turismo e a quelli burocratico amministrativi – in una ottica sempre più comprensoriale e in sinergia con la Regione Umbria, continuando sulla strada intrapresa negli ultimi anni: una cooperazione che, secondo Todini e colleghi, ha portato notevoli risultati. “La Media Valle del Tevere – ha spiegato il Sindaco uscente di Marsciano – può contare su una squadra di amministratori che si è dimostrata affiatata e pronta a lavorare sempre più insieme. Testimonianza ne sono i risultati che sono stati ottenuti in questi anni e che hanno reso il nostro comprensorio una realtà più coesa e forte”.

Su due punti Todini e colleghi hanno focalizzato l’attenzione: la sanità nel comprensorio della Media Valle e il sistema giudiziario. “Sui servizi sanitari abbiamo avuto un indubbio miglioramento frutto di una posizione unitaria di tutto il territorio che ha saputo superare campanilismi e particolarismi. Oggi vogliamo ribadire con chiarezza che noi siamo per la sanità pubblica e che dietro alcune posizioni critiche o palesemente false, come la paventata chiusura del punto nascita di Pantalla, c’è un preciso interesse a delegittimare. Chi denigra la sanità pubblica, magari dopo averci lavorato, lo fa per interessi personali e per favorire le strutture private”. Netta la posizione anche sul secondo punto: “la nuova geografia ridisegnata dal Ministero in tema di servizi giudiziari non può che vederci contrari. Noi vogliamo stare con il Giudice di Perugia e non con Spoleto. Noi vogliamo stare con il Giudice di Pace di Todi e non con quello di Spoleto. Questa è la posizione che abbiamo sempre sostenuto e per la quale, insieme ad alcuni altri comuni della Media Valle del Tevere ci stiamo battendo. C’è tuttavia un pezzo dell’avvocatura e della politica marscianese che rimane del tutto indifferente al fatto che Marsciano sia stato assegnato alla competenza di Spoleto invece che alla più naturale e funzionale competenza di Perugia o di Todi per quanto riguarda il Giudice di Pace. Dunque su questo sfido gli altri candidati a pronunciarsi e prendere una posizione precisa”.  

COMMENTS