Il cielo è color chianina sopra a Mercatello…

Il cielo è color chianina sopra a Mercatello…

Ancora è cocente la sconfitta dell’Italia e l’eliminazione dai Mondiali brasiliani ma a Spina si festeggia lo stesso per la vittoria, da parte della Macelleria Quintavalli, del secondo torneo di Calcio a 5 a Mercatello; usando un’espressione tipica delle vittorie azzurre ai mondiali, si potrebbe dire che “il cielo è color chianina sopra a Mercatello” anche se le divise dei campioni spinaioli erano rosse.

Un grandissimo pubblico ha fatto da cornice alla giornata finale del torneo che dopo 3 settimane ha decretato la formazione vincitrice; anno scorso Compignano e quest’anno gli spinaioli della Macelleria Quintavalli che hanno battuto nella finalissima al cardiopalma i ragazzi del Pornocalcioetilico in un match bello ed appassionante.

A passare in vantaggio nel primo tempo sono stati i rivali del Pornocalcioetilico che hanno sfruttato un autogoal di Peruzzi che ha deviato in malomodo un calcio d’angolo; nell’intervallo, come sempre, ci sono stati gli shot out che hanno permesso alla Macelleria Quintavalli di pareggiare e ritornare in partita; nel secondo tempo stesso copione, partita dai ritmi intensi, tante occasioni da entrambe le parti ma Pornocalcioetilico ripassa in vantaggio con un goal di Berretta da fuori area ma i rossi di Spina non demordono e pareggiano in zona Cesarini con il goal più importante del torneo messo a segno su un tiro libero da Peruzzi.

Lo stesso copione della finale del 2013 quando si andò ai rigori negli ultimi istanti del match ed anche in quella occasione ad avere la meglio fu la squadra che era in svantaggio.

I rigori sono sembrati una guerra di trincea: entrambe le squadre hanno messo a segno i primi 9 rigori, senza neanche un errore, colpo su colpo; al decimo rigore si è deciso il torneo con i due portieri che si sono sfidati come in un film di Sergio Leone, uno contro l’altro: Faloia fra i pali e Volpini dal dischetto; Volpini prende la rincorsa, parte la palla ma Faloia, come di mestiere, fa un muro e chiude la porta, lasciando a Peruzzi l’onere e l’onore di battere il rigore decisivo prima della festa e della consegna del trofeo.

Entusiasmo alle stelle per la formazione della Macelleria Quintavalli composta da Faloia Paolo Alberto, Babucci Stefano, Formisano Stefano, Tempesta Marco, Rinaldi Michele, Milletti Federico, Mencarelli Andrea, Peruzzi Alessandro, Quintavalli Riccardo, Catapano Davide, Bragetti Paolo, N’Tamack Laurent Nicolas, allenatore Cardinali Francesco, presidente Lanfranco Quintavalli, colui che ha rifornito di bistecche al momento giusto tutti i ragazzi della squadra, e forse è stato proprio questo il segreto del successo.

Gli altri premi sono andati al Pornocalcioetilico che si è classificato al secondo posto, al Laser Games che è arrivata terza; il titolo di bomber se lo è aggiudicato Papatolo del Migliano con 10 reti mentre il miglior giovane del torne è risultato essere Lupi dell’AVIS Spina.

Grande soddisfazione anche per gli organizzatori del Torneo, sempre più partecipato e ambito: “Siamo felici per come è andata la seconda edizione – ci dice Marco Pochini – anche perché riconfermarci è sempre difficile. Anche il livello del torneo è aumentato, dimostrato delle fasi finali che hanno offerto un grande spettacolo per il sempre numeroso pubblico di Mercatello. Ringraziamo tutti quelli che hanno contribuito alla buona riuscita del torneo, i partecipanti e tutti coloro che sono capitati a Mercatello in queste tre settimane. Il pensiero nostro è già rivolto alla terza edizione del prossimo anno perché il nostro obiettivo è sempre migliorarci”.