Il Salvatorelli-Moneta si apre al territorio (e al futuro)

Il Salvatorelli-Moneta si apre al territorio (e al futuro)

Un importante rinnovamento tecnologico nel quale sono state coinvolte le istituzioni e le imprese del territorio comunale. È quello portato avanti negli ultimi 2 anni dall’Istituto Omnicomprensivo Salvatorelli Moneta sotto la guida della dirigente Rita Albani. Videoproiettori interattivi in tutte le aule di ogni plesso dell’Istituto, l’allestimento di un laboratorio multimediale-linguistico, un laboratorio di automazione robotica, un’aula 2.0 e di un’aula co-working: queste sono le innovazioni portate avanti nella scuola marscianese grazie a questo progetto.

Grazie agli interventi e alla collaborazione dell’Amministrazione comunale di Marsciano, della Regione Umbria, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e degli imprenditori locali la didattica ora è davvero proiettata verso il futuro.

Partner che nella mattina di giovedì 31 maggio hanno partecipato, insieme al corpo docente e agli studenti, all’evento che ha visto la scuola aprirsi a tutto il territorio, sia per presentare i successi ottenuti in questo biennio, sia per discutere l’importante tema delle sfide, presenti e future, che riguardano la formazione, il rapporto con il mondo del lavoro, con le istituzioni e con le imprese. Al Teatro Concordia sono intervenuti il Sindaco di Marsciano Alfio Todini, l’Assessore regionale Antonio Bartolini, il Consigliere regionale Gianfranco Chiacchieroni, il docente dell’Istituto Francesco Brini, l’imprenditore Giampietro Persichetti, la dirigente regionale Antonella Iunti

La dirigente Albani ha avuto modo di sottolineare come per l’Istituto sia stato importante, e lo sarà nel futuro, definire un progetto condiviso con chi sul territorio fa impresa, associazioni e istituzioni locali, con l’obiettivo di realizzare il cosiddetto “sistema formativo integrato” dove tutti devono collaborare alla formazione dell’allievo mettendolo al centro del sistema formativo come persona.

“Non è solo una questione di risorse economiche – ha affermato il Sindaco Alfio Todini–. In ballo c’è la capacità di tutto un sistema di sostenere il proprio sviluppo in termini di qualità della vita e di servizi. È in questo scenario, dove operano molteplici attori, dalle istituzioni pubbliche alle imprese, che la formazione scolastica deve inserirsi ed è in questo scenario che il ruolo dell’Amministrazione, come noi da anni lo stiamo interpretando, è anche quello di facilitare l’incontro tra sistema scolastico e mondo dell’impresa, tra l’apprendimento di competenze e il suo progettare e gestire, con protagonismo e non subendola, l’innovazione tecnologica del sistema produttivo. Le istituzioni, quindi, oltre a garantire investimenti economici nella scuola, comunque indispensabili, devono anche farsi garanti ed agevolatori di un vero e proprio patto con il territorio dove tutte le parti possano riconoscersi e condividere un’idea di sviluppo. A Marsciano stiamo portando avanti proprio questo approccio e non posso che ringraziare sia l’Istituto Omnicomprensivo, che con la dirigente Rita Albani sta condividendo con l’Amministrazione questo percorso, sia i tanti imprenditori locali e altre istituzioni, come la Regione e la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che si ostinano a credere che una buona formazione per i nostri figli sia la nostra più grande responsabilità”

COMMENTS

DISQUS: 0