La legge sull’accattonaggio arriva nella commissione sbagliata

La legge sull’accattonaggio arriva nella commissione sbagliata

L’opposizione targata Pezzanera contesta la nuova norma sull’accattonaggio: “è sbagliata e l’Amministrazione ha sbagliato pure la commissione dove presentarla”.

Domani in consiglio comunale è prevista, al punto 4 dell’ordine del giorno, l’approvazione delle modifiche al “Regolamento di Polizia Locale (Urbana e Rurale)”: dietro questa dicitura piuttosto asciutta c’è nient’altro che l’introduzione delle norme contro l’accattonaggio, a suo tempo cavallo di battaglia della Lega e ora al centro del dibattito per l’intera amministrazione comunale. Per il gruppo consiliare “Frazioni Unite e Altra Marsciano per Sergio Pezzanera” questo è “un segno dei tempi e una battaglia simbolo (quanto incresciosa) di questa destra che dà il meglio di sé quando se la prende con gli ultimi, soffiando su paure e odio”.

Una norma che, dicono dalla stessa coalizione, ha avuto un iter piuttosto singolare. Succede che “per dotarsi delle nuove norme, c’è bisogno di modificare lo statuto comunale – dichiarano – e venerdì scorso la Giunta ha portato queste modifiche nella commissione… sbagliata. La ‘Seconda’ invece che la ‘Statuto'”.

La nota, uscita ieri sera sui social, contesta in pratica le modalità con le quali la norma vorrebbe essere introdotta. Partendo dalla “scusa delle lamentele di alcuni cittadini stanchi di affrontare dei ragazzi di colore all’uscita dei supermercati”, si arriva ben presto a quella che, per l’opposizione, è la vera motivazione della modifica: “quelli che ‘prima gli italiani’ sarebbero schifati anche dalla sola presenza del ragazzo di colore. Anche se rimanesse fermo come un palo. E pure se non chiedesse niente a nessuno”.

Accattonaggio è sinonimo di elemosina, dicono dalla coalizione Pezzanera, “ed esiste da che mondo è mondo”. Lo sanno bene i cattolici e dovrebbe saperlo anche “il devoto Salvini, che, tra un bacio al rosario e un’invocazione al cuore immacolato di Maria, con il suo decreto sicurezza ha introdotto l’aggravante dell’accattonaggio molesto”.

Oltre che sbagliata in termini quindi, secondo l’opposizione che fa capo a Pezzanera, la nuova legge è sbagliata anche sotto il mero profilo della produzione normativa. “Abbiamo voluto e dovuto, oltre che contestarli, anche smascherare l’inadeguatezza del loro operato, facendo notare il clamoroso errore”. L’Amministrazione è stata per questo costretta a riunire la commissione Statuto per oggi, lunedì 3 febbraio, in seduta straordinaria.

“Avrebbero potuto e dovuto chiedere aiuto in giro, tra i molti amministratori di destra, consigli e pareri – dichiarano sarcasticamente – ma, con poca umiltà, non l’hanno fatto. Sarebbero apparsi spaesati. E, soprattutto…molesti”.