Marsciano cardioprotetta. il centro commerciale Le Fornaci si adegua

Marsciano cardioprotetta. il centro commerciale Le Fornaci si adegua

La Marsciano cardioprotetta, un progetto e un obiettivo che vi avevamo raccontato qualche giorno fa , sta diventando poco alla volta una realtà. Un grande passo in avanti in tal senso è stato fatto dal Centro Commerciale “Le Fornaci” in località Ammeto dove, oltre all’acquisto e all’installazione di un nuovo defibrillatore, si è provveduto alla formazione del personale che lavora nei negozi della struttura e all’interno del supermercato Conad: in tutto sono stati i 12 i dipendenti che in questo modo sono divenuti parte attiva di quella che è denominata “catena della sopravvivenza”.

Il progetto della società bolzanina PMG, che mira a far divenire Marsciano primo comune umbro cardioprotetto dopo la firma della convenzione avvenuta il 26 maggio, prevede infatti come primo step la formazione di personale specializzato, i cosiddetti laici rianimatori, riconoscibili con segni distintivi quali possono essere braccialetti o targhe adesive che ne segnalano la presenza all’interno di negozi o altri locali pubblici. Sono loro, infatti, che nei casi di emergenza estrema potrebbero salvare una vita grazie alle competenze acquisite: ad essi, nella “catena della sopravvivenza”, saranno poi affiancati gli operatori del 118.

“La drammaticità di alcuni eventi che hanno interessato anche il nostro territorio – queste le parole del responsabile del centro commerciale Alvaro Bartolini riportate da Umbriajournal– e la comprensione della gravità del fenomeno ci hanno spinto, alcuni mesi fa, a organizzarci per rendere Le fornaci un luogo il più sicuro possibile, anche sotto questo aspetto. Ci auguriamo che la nostra iniziativa possa essere presa d’esempio anche da altre realtà commerciali, e non solo, così da rendere veramente effettivo il progetto Marsciano ‘Cittàcardioprotetta’”.