Monte Peglia proclamato riserva Unesco Mab

Monte Peglia proclamato riserva Unesco Mab

Un riconoscimento importante, cercato a lungo e che finalmente è arrivato: nella trentesima sessione del Mab-Icc dell’Unesco in corso a Palembang, in Indonesia, 3 riserve italiane sono entrate nella prestigiosa lista delle riserve biosfera Unesco, ovvero sono state riconosciute come territorio in cui si rileva un rapporto equilibrato tra attività umana e conservazione dei valori naturali.

Oltre a Ticino Val Grande Verbano e Valle Camonica – Alto Sebino, anche l’area del parco del Monte Peglia è stata inserita in questa lista di riserve mondiali; una notizia importante per i 40.000 ettari di montagna umbra che si estende nei territori di  San Venanzo, Orvieto, Parrano e Ficulle, territori protagonisti dell’operazione.

La candidatura era stata presentata lo scorso anno e si era creato un comitato promotore composto dall’associazione “Monte Peglia per Unesco, Umbrò, Arci caccia, Associazione italiana guide escursionistiche, Agenzia forestale regionale e i Comuni di San Venanzo, Orvieto, Parrano e Ficulle.

Un riconoscimento che non ha lasciato indifferente il ministro all’ambiente Sergio Costa: “Un riconoscimento internazionale importante per il nostro Paese. Le aree protette rappresentano il capitale naturale su cui investire, sia in termini sociali, sia in termini di ricerca sia, per quanto possibile, in termini economici legati alla sostenibilità. Il riconoscimento Unesco è un`ulteriore garanzia per la loro conservazione e valorizzazione”.

COMMENTS

DISQUS: 0