Movimento 5 Stelle: presentata interrogazione parlamentare sulle vinacce

Movimento 5 Stelle: presentata interrogazione parlamentare sulle vinacce

Le vinacce se ne sono andate ormai da quasi due mesi ma chi pensava che la polemica che ha infiammato la cronaca marscianese per tanto tempo si fosse affievolita, evidentemente, si sbagliava. Le vinacce, il Cerro, il sito di stoccaggio e, ovviamente, la distilleria Di Lorenzo di Pontevalleceppi tornano alla ribalta grazie ad un’interrogazione parlamentare presentata dal Movimento 5 Stelle, ed in particolare dai rappresentanti del gruppo Tiziana Ciprini e Filippo Gallinella.

Nell’interrogazione a risposta scritta 4-08828 presentata venerdì 17 aprile 2015, nella seduta n. 411 i due parlamentari, a nome del proprio gruppo, hanno chiesto al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare quali siano i provvedimenti che si intendono prendere per chiarire tutti i punti oscuri della vicenda. Se è vero che le vinacce sono ormai state portate via, dopo innumerevoli tira e molla, è anche vero che la situazione potrebbe ripresentarsi con la nuova stagione di vendemmia, visto che l’affitto del terreno in questione è pluriennale. Al centro della richiesta di informazioni del Movimento ci sarebbe la ben nota fuoriuscita di «liquidi» dai silos ed il sequestro del sito disposto, in data 16 dicembre 2014, dalla procura della Repubblica di Spoleto per reato di «stoccaggio inidoneo».

L’interrogazione termina con la “forte preoccupazione sulla condizione dei luoghi su cui insisteva il deposito delle vinacce con particolare riguardo all’integrità del suolo e salubrità delle acque poiché i silos bag erano adagiati su un terreno erboso e nelle immediate adiacenze di un fosso affluente dopo appena 300 metri del fiume Nestore e di una strada provinciale a traffico intenso”. Proprio per questo quindi Ciprini e Gallinella chiedono “se il Ministro intenda promuovere una verifica avvalendosi del comando carabinieri per la tutela dell’ambiente e dello stato e dei luoghi su cui insisteva il deposito delle vinacce della distilleria «G. Di Lorenzo s.r.l.», località Cerro di Marsciano (PG)”.

Difficile pensare che questa sia l’ultima puntata della storia vinacce.