Oltre 1000 olivi distrutti, Palaia in ginocchio.

Oltre 1000 olivi distrutti, Palaia in ginocchio.

 

E’ uno scenario catastrofico quello che si scorge andando alla Palaia, la zona che si trova fra Mercatello e Migliano e che ieri è stata interessata da uno degli incendi che ha fatto più danni nel territorio marscianese; ettari di oliveti e di bosco andati in fiamme in pochissime ore, fiamme alimentate e trasportate dal forte vento che tirava ieri e incendio scoppiato intorno alle 14, nel momento più caldo della giornata.

Il giorno dopo non resta che iniziare la conta dei danni da parte di proprietari che hanno visto il loro patrimonio verde completamente distrutto; e se si parla di danni soltanto alla vegetazione è anche grazie ai tanti agricoltori che sono corsi con i propri trattori a limitare l’aria dell’incendio, creando in pochi minuti dei solchi tagliafuoco, intervenendo con le proprie cisterne in supporto dei Vigili del Fuoco e mettendo a disposizione i propri pozzi per rifornire i mezzi dei Pompieri.

Un importante lavoro che ha limitato i danni e che è iniziato prima dell’arrivo dei Vigili del Fuoco, che in questa estate infernale stanno facendo miracoli ogni giorno per tentare di controllare i troppi incendi che divampano nella nostra regione.

Le indagini ora spettano ai Carabinieri Forestali che tenteranno di spiegare come sia partito questo incendio e di risalire al responsabile; pochi giorni fa, nel corso di una conferenza stampa, vennero illustrati i dati di questa stagione e nel 25% dei casi sono stati individuati i responsabili, ai quali poi viene mandato il conto dei danni.

Quello che è certo è che oltre 1000 olivi, la maggior parte dei quali secolari, è andata completamente distrutta; l’altra certezza è che l’autocombustione è un evento molto raro.

COMMENTS

DISQUS: 0