Opere di Gerardo Dottori saranno cornice per la mensa dell’asilo

Opere di Gerardo Dottori saranno cornice per la mensa dell’asilo

“Un anno fa annunciavamo il ritrovamento e il sicuro recupero di importanti tempere risalenti ai primi del ‘900 in quel di Spina. Queste tempere sono con molta probabilità di Gerardo Dottori (il pittore futurista che a Marsciano ha vissuto una tappa significativa del suo itinerario artistico) e saranno ora il prezioso contorno ai locali del refettorio dell’asilo che ospiterà i bambini”. L’assessore comunale ai lavori pubblici Gionata Moscoloni annuncia così, in un suo post su facebook, gli sviluppi di una scoperta fatta lo scorso anno. 

Un tesoro recuperato in maniera quasi casuale. È quello venuto alla luce un anno fa nella frazione di Spina, in un cantiere di un locale di via fratelli Ceci che prima del terremoto ospitava la mensa della scuola materna e che ora, quando i lavori saranno ultimati, tornerà a farlo. Si tratta di tempere, presumibilmente risalenti ai primi del ‘900, ritrovate durante i lavori post sisma, la cui scoperta aveva da subito indotto l’amministrazione comunale a coinvolgere la Sovrintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici dell’Umbria.

“Piccoli gioielli che i nostri borghi preservano”. Così la stessa amministrazione aveva definito le tempere, dichiarando di poter destinare anche qualche risorsa non prevista, magari contando sulla collaborazione di altre istituzioni da poter coinvolgere, proprio sui lavori allora in corso. Da lì sono seguiti interventi e sopralluoghi per valutare il reale valore delle opere. Ed ora, a quanto pare, arrivano le prime indiscrezioni sull’esito di questi interventi. “Opere di sicura scuola di Gerardo Dottori – si sbilancia poi Moscoloni – che oggi, grazie al prezioso lavoro dell’architetto Marco Scapicchi, alla sapiente mano di ‘Restauro Castrichini’ e alle battaglie burocratiche fatte, stiamo riportando alla luce. Ci vorrà qualche settimana ma la strada tracciata secondo esperti e studiosi è quella giusta. E ciò che ormai si vede in modo chiaro è qualcosa di straordinario”. 

I lavori nella struttura che ospiterà di nuovo i bambini non sono finiti. E le stesse tempere, che si stanno riportando allo stato naturale, devono ancora essere fissate e subire il  restauro definitivo. Ma il loro stato di conservazione è pressoché perfetto. Le indiscrezioni che attribuiscono la paternità delle opere a Dottori sono anche legate al suo passaggio nel territorio marscianese. Non resta ora che aspettare l’inizio del 2016. Sono questi infatti i tempi indicati per il completamento del restauro. Dopodiché per la completa fruibilità bisognerà attendere la fine generale dei lavori dell’asilo.