Pilati: bilancio positivo, al ballottaggio libertà di voto

Pilati: bilancio positivo, al ballottaggio libertà di voto

Ad una settimana dai risultati delle amministrative si fa sentire anche il Centrodestra marscianese, che sosteneva la candidatura del giovane Andrea Pilati alla carica di Sindaco di Marsciano, lo fa con un comunicato dove esprime sia soddisfazione per i 1300 voti ricevuti, considerandoli un punto di partenza, sia indica ai propri elettori l’importanza di andare a votare al ballottaggio secondo la propria coscienza.

“Oltre 1300 marscianesi hanno dato fiducia al nostro progetto di profondo rinnovamento – si legge nella nota stampa – Un rinnovamento interno, basato sulla trasparenza, sull’onestà, sull’identità e sul territorio e anche un rinnovamento per Marsciano, visto che la nostra campagna ha puntato principalmente ad abbattere quel sistema che da oltre sessant’anni rigenera se stesso, mettendo gli interessi di un blocco di potere davanti a quelli dei cittadini. 1300 voti non sono un punto di arrivo, ma un punto di partenza per continuare la nostra battaglia di cambiamento per Marsciano”.

Una campagna elettorale difficile, sia per la forza del Pd di Renzi che per la debolezza del centrodestra alle europee: “Durante queste elezioni ci siamo dovuti confrontare con un PD al suo massimo storico e con la confusione generata da alcuni piccoli elementi di disturbo.

In questo quadro, ci siamo confrontati, presentando con coraggio una squadra quasi interamente rinnovata, che ha saputo unire alla esperienza di alcuni consiglieri uscenti, la passione ideale dei giovani; senza simboli di riferimento sulla scheda, senza il traino dei partiti politici, i cui simboli ci hanno comunque accompagnati in campagna elettorale per marcare la forte identità del nostro gruppo, abbiamo ricevuto il consenso di molte persone”.

“Non abbiamo colto l’obiettivo di raggiungere il ballottaggio, – prosegue la nota stampa – primo passo da compiere per scardinare un sistema di potere, per puntare poi alla amministrazione di Marsciano; abbiamo, tuttavia, raggiunto l’obiettivo della tenuta del Centrodestra di Marsciano, offrendogli una nuova prospettiva politica che punti al rinnovamento totale sul modo di gestire le problematiche di Marsciano”.

Nel comunicato stampa del Centrodestra marscianese si parla anche del futuro, con uno sguardo positibo: “Il cambiamento non è solo un diritto dei marscianesi, ma, visto il modo in cui viene gestito il potere a livello locale, è anche e soprattutto una vera necessità morale e civile!

Il nostro gruppo sicuramente si affermerà ed aumenterà il consenso nel corso del tempo grazie al lavoro che svolgeremo all’interno e all’esterno del Consiglio Comunale; sarà riattivata una sede permanente e verranno predisposti gli strumenti comunicativi necessari per rimanere sempre in contatto con i cittadini marscianesi!”

Nelle ultime battute del comunicato stampa anche un accenno al ballottaggio dell’8 giugno: “Pensiamo di poter dialogare con le altre aggregazioni, là dove ci siano le basi programmatiche per poterlo fare, avendo criticato aspramente un certo modo di fare politica, un modo arrogante ed autoreferenziale che non ci appartiene.

Andiamo al ballottaggio consapevoli della battaglia che abbiamo portato avanti per tutti i mesi di campagna elettorale e siamo convinti che ogni singolo voto possa contribuire a determinare una Marsciano migliore.

In questa fase non possiamo che chiedere ad ogni nostro elettore di proseguire, anche idealmente, la nostra campagna elettorale votando secondo coscienza. Il voto non è solo un diritto, ma anche un dovere”.