Proposta Marsciano: un’altra parola sulla vicenda COOP

Proposta Marsciano: un’altra parola sulla vicenda COOP

Il direttivo di PM, riunitosi in data 16 febbraio 2015, ha valutato in tutti i suoi aspetti la complessa vicenda legata all’approvazione della variante di Ammeto, propedeutica al trasferimento della COOP e al modo in cui si è conclusa.
Ribadisce che aver dato via libera a questo progetto sia stato un grave errore di valutazione da parte di questa amministrazione che, se non opportunamente riequilibrato da un forte rilancio dell’ormai ex centro commerciale ARCO, porterà conseguenze pesanti per tutto il centro cittadino.
Riconosce come passo in avanti in questa direzione la lettera di impegno che il Presidente Raggi, in nome e per conto della COOP, ha inviato pochi giorni prima della discussione in Consiglio Comunale, impegno che recita: 

“….si rende disponibile a concedere l’utilizzo di una porzione di almeno un terzo della superficie a favore dell’amministrazione comunale mediate convenzione a canone agevolato comunque da definire di comune accordo, per finalità di rilevanza sociale, pubblica utilità e iniziative ritenute utili alla comunità e per quanto riguarda l’altra superficie, già atta a specifico utilizzo, vi è la disponibilità di concederla in uso, per un congruo valore di mercato, anche ad altri operatori economici, che dovessero manifestare nei prossimi mesi interesse, per la realizzazione di un significativo punto di distribuzione alimentare.” 

Prende atto comunque che il consigliere eletto nella lista di Proposta Marsciano Michele Rabica ha dato credito a questa lettera di impegno e, sulla base di ciò, in dissonanza con la maggioranza del movimento, ha inteso dare voto favorevole al progetto di variante.

Invita Michele Rabica a impegnarsi fortemente in coerenza con le sue dichiarazioni pubbliche, stimolando il Sindaco, la Giunta comunale, i colleghi Consiglieri e il Presidente della COOP, affinché il Centro Commerciale ARCO rimanga dotato, senza soluzione di continuità, di un significativo punto di distribuzione alimentare, ed inoltre a lavorare per il rilancio dell’intera struttura.

Decide di rinviare la valutazione sulla intera vicenda al momento in cui lo spostamento della COOP diverrà effettivo, tenendo conto della misura in cui gli impegni sopra riportati saranno stati effettivamente onorati.

Nota: il documento è stato discusso e all’unanimità approvato anche dall’assemblea degli aderenti di Proposta Marsciano del 27/2/2015