Rabica: l’esperienza di PM non vada dispersa

Rabica: l’esperienza di PM non vada dispersa

A due settimane dal voto il consigliere di maggioranza dell’attuale amministrazione, Michele Rabica, spiega la scelta di presentarsi nelle fila della coalizione che sostiene la candidatura di Carlo Cavalletti. Lo fa attraverso un comunicato stampa dove mette in risalto il “modello Proposta Marsciano, richiamato più volte in tutta la Regione Umbria per la capacità di mantenere in vita negli anni un progetto svincolato dalle appartenenze ideologiche”. Anche dopo l’esaurimento dell’esperienza di PM, Rabica punta forte sul “filo mai spezzato di fiducia e credibilità nei confronti del nostro elettorato”.

Prima la rottura col Partito Democratico, di cui è stato alleato nell’Amministrazione che va ad esaurirsi in questo mese, dovuta alle modalità con cui il PD si è avvicinato all’appuntamento elettorale. “Non intendo esprimere giudizi – dichiara il consigliere – ma ho preso atto insieme agli amici di Proposta Marsciano, che il perimetro precedente, per come si era costruito, non c’è più”.

Poi “l’approdo naturale – lo definisce Rabica – nel percorso avviato da Cavalletti”. Mentre alcune parti di PM sono confluite nella destra, infatti, Rabica ha scelto la coalizione “che ha fatto del civismo la propria particolarità”, dove si punta su “elementi di novità e su elementi di continuità amministrativa”, come dimostrano le candidature dello stesso Rabica, degli assessori Filippetti e Artegiani e del socialista Bertini, a “dimostrazione di come si possa voler cambiare, senza necessariamente e strumentalmente rinnegare tutto quanto fatto sino ad oggi”.

Senza puntare sulle appartenenze politiche, Rabica chiarisce meglio quali siano state le ragioni della scelta. “Ad un progetto politico si aderisce per dare un contributo di idee, per costruire un programma condiviso in cui riconoscersi, non semplicemente per candidarsi e farsi eleggere. Mi appello pertanto al senso di responsabilità di tutte le amiche e gli amici che hanno condiviso con me questa straordinaria esperienza, chiedendo loro di non disperderla. Solo mantenendo unita la nostra comunità potremo ancora offrire un importante contributo alla politica marscianese e al suo futuro”..

COMMENTS

DISQUS: 0