Redditi dei marscianesi: la crisi non se ne va

Redditi dei marscianesi: la crisi non se ne va

E’ un quadro chiaro scuro quello delineato dai dati elaborati da Mediacom 043 sui redditi nei 92 comuni dell’Umbria; nel rapporto si fanno due tipi di analisi, quella relativa ai redditi 2016 confrontati con quelli precedenti all’inizio della crisi (2008) e quella realativa invece al raffronto fra 2015 e 2016; tutto basato sui dati del ministero dell’Economia e delle Finanze.

Marsciano nel 2016 non ha ancora raggiunto il livello di ricchezza precedente alla crisi economica e si trova a metà di questa classifica; rispetto al 2008 il reddito complessivo marscianese del 2016 è inferiore del 3,4% che corrisponde ad una scomparsa di redditi per un totale di 8.271.297 euro.

Se si prendono in considerazione soltanto i Comuni con più di 10.000 abitanti c’è Corciano che guida la classifica con un +5,8% seguito da San Giustino (+1,4%) e da Assisi (+1,2%); a seguire Bastia Umbra +0,3%, Umbertide +0,1%, Magione 0%.
Tutti gli altri comuni hanno ancora un reddito inferiore al 2008, nello specifico: Castiglione del Lago -1,9%, Città di Castello -2,0%, Orvieto -3,1%, Marsciano -3,4%, Foligno -3,9%, Perugia -5,7%, Todi -6,3%, Gubbio -6,4%, Spoleto -6,8%.

In generale la regione Umbria ha ancora un deficit del 4,4% rispetto al 2008, che in valori assoluti significa che mancano 557 milioni di euro; un dato che vede l’Umbria rialzare la testa molto più lentamente delle altre regioni, basti pensare che il nato nazionale vede un deficit del 1,6%.

Per quanto riguarda i comuni limitrofi, seppure un passivo, guida la classifica Massa Martana che segna un -1,4%, Fratta Todina -2,0%, Deruta -2,4%, San Venanzo -2,6%, Collazzone -3,3%, Marsciano -3,4%, Todi -6,3%, Monte Castello di Vibio -8,6%.

Per quanto riguarda invece il raffronto fra le dichiarazioni dei redditi del 2017 e quelle del 2016 Marsciano fa segnare un incremento dello 0,3% piazzandosi al 70esimo posto sui 92 comuni umbri; un dato che fa riflettere sule grandi difficoltà economiche del territorio marscianese; in 74 comuni il reddito è aumentato ed in 18 è calato.

Fra i comuni con più di 10.000 abitanti c’è Magione che spicca con il +3,7% seguito da Bastia Umbra (+2,7%) e da Umbertide (+2,1%); se diamo uno sguardo ai comuni limitrofi la situazione vede in testa Collazzone con un +3,2% seguito da Deruta (+1,7%), San Venanzo (+1,4%), Massa Martana (0,8%) Fratta Todina (0,7%), Marsciano (0,3%) e Todi fanalino di coda, unico comune della zona in passivo con -0,7%.

COMMENTS

DISQUS: 0