Rinascita Marsciano: riapre lo storico forno di Cicioni

Rinascita Marsciano: riapre lo storico forno di Cicioni

Il più antico forno del capoluogo è tornato a sfornare pane, dolci e altro ancora. Il forno del capoluogo, dopo la chiusura della famiglia Cicioni, ultimi fornai di via del Mattonato, domenica scorsa è tornato in funzione. Una manciata di giorni prima, nel vecchio cuore della città, aveva riaperto i battenti lo storico bar “Ambrogi”, proprio di fianco al negozio aperto poche settimane prima di minuterie”. I locali del bar e del forno erano stati utilizzati dalla Pro loco per la festa di San Giovanni-Palio delle botti del giugno scorso. Mentre tiene banco la possibile “fuga” della Coop, continua l’inversione di tendenza nel settore dei piccoli e medi esercizi. Negli ultimi mesi il bilancio tra chiusure e aperture è decisamente a favore di queste ultime nonostante i lavori del Puc 2 non facilitino certo la viabilità. Eppure ci sono “coraggiosi” che hanno deciso di nuotare controcorrente. A favorire la riapertura di diverse vetrine è stata la scelta dell’Amministrazione comunale nel settore della calmierazione degli affitti e dei contributi alle nuove aperture. Sempre nel capoluogo sono state aperte attività anche in via XX Settembre, via Umberto I, salita san Giovanni e via Fratelli Ceci. E si tratta anche di negozi particolari come quello di via Umberto I che vende prodotti e attrezzi per “il fai da te” dove sta aprendo una coltelleria e lo ha già fatto una birreria. In salita san Giovanni ha riaperto lo studio fotografico. In via XX Settembre si segnalano, oltre ai negozi di abbigliamento, anche quello di oggetti usati e quello di libri e artigianato. I lamenti, ovviamente, non mancano sia da parte di chi c’era sia da parte dei nuovi. Ma la voglia di non arrendersi è palpabile e in molti casi ammirevole. Il comune, nonostante i pochi mezzi, sta facendo il possibile.