Rugby a Marsciano: sabbia, placcaggi e…valori

Rugby a Marsciano: sabbia, placcaggi e…valori

Sport nobile, nobilissimo, ma troppo spesso visto con occhi diffidenti e distaccati, forse per la durezza degli scontri che lo caratterizzano. Ma il Rugby – fortunatamente – sta prendendo sempre più piede nella cultura sportiva italiana, anche se stenta ancora a decollare in alcune realtà locali: così se Maometto non va alla montagna…

Sabato 20 luglio l’Associazione Guardia Martana Rugby ASD porterà una tappa del campionato italiano di Beach Rugby sul suolo marscianese, assieme a numerose attività collaterali che faranno da contorno per una giornata all’insegna dell’educazione sportiva. L’associazione Guardia Martana Rugby è stata costituita nel 2010 da ragazzi e appassionati del gioco del rugby con lo scopo di diffondere, nella Media Valle del Tevere, il gioco e i valori di questo affascinante sport, assieme alla sua tipica cultura associativa, con particolare attenzione alle problematiche e dinamiche sociali.

“Dopo uno scontro fra squadre tipico di un gioco di contatto – spiega il presidente dell’associazione, Filippo Calzolari – deve seguire una fase di riconciliazione attraverso l’ormai famoso III terzo tempo, tipico del gioco del rugby. Tutti riconoscono il grande messaggio sociale che si nasconde dietro i tre tempi di gioco”.

L’Associazione dopo aver lavorato in questo senso nei territori di Massa Martana, Grutti, San Terenziano e Todi approda a Marsciano, al Parco Ponte, dove installerà un campo scuola polivalente e polisportivo che verrà inaugurato nel mese di settembre 2013, grazie anche alla sponsorizzazione dell’Associazione LIONS Marsciano, con la quale è stato possibile realizzare una superficie polivalente in sabbia di 1100 metri quadrati, adatta per differenti situazioni, dal beach volley, al rugby, fino all’equitazione: tutto questo è in stretta relazione con l’ambizioso progetto comunale che vorrebbe adibire un percorso fitness cittadino intorno al Parco Ponte, per giungere fino al parco fluviale del Nestore che però, a tutt’oggi, ha poco di fluviale e ancor meno di parco.

Intanto si parte sabato 20 dalle ore 13.00, quando Marsciano ospiterà, per la prima volta in Umbria, una tappa del campionato della Lega Italiana Beach Rugby (LIBR). Questo evento vedrà contendersi oltre 120 atleti e 20 tecnici nazionali provenienti dal Lazio, Campania, Marche e dalla nostra regione.