Senza aiuto reciproco non “andrà tutto bene”

Senza aiuto reciproco non “andrà tutto bene”

Spesa solidale, assistenza legale e aiuti a tutte le famiglie in difficoltà. Sono questi i primi obiettivi di Marsciano Solidale: un comitato che, appena nato, ha già messo in piedi un progetto parallelo, chiamato Rete di Acquisto Popolare Agroalimentare

Al motto di “solo il popolo salva il popolo” si può dire ufficialmente partita l’avventura di Marsciano Solidale. Ne avevamo parlato qualche giorno fa, presentando il nuovo progetto di solidarietà che alcuni giovani marscianesi (e non solo) stavano mettendo in piedi. E le parole usate a chiusura del comunicato di presentazione, uscito nelle ultime ore, rimandano direttamente ad un principio cardine del comitato, ovvero mettere il mutualismo al di sopra di tutto, così da superare le pratiche assistenzialistiche che, pur riconosciute nella loro importanza, non riescono a superare la totale passività della persona che ne usufruisce, alimentando condizioni di dipendenza e non combattendo il sistema delle disuguaglianze sociali.

Marsciano Solidale si ispira e si appoggia al comitato Spesa Solidale Perugia, nato nel periodo più “caldo” dell’emergenza covid per dare assistenza, non solo economica, alle famiglie che rimanevano fuori dai canonici canali di distribuzione degli aiuti alimentari. “L’obiettivo anche per noi sarà quello di fronteggiare l’emergenza economica e sociale esistente nel territorio della Media Valle del Tevere e solo di recente esasperata dall’emergenza Covid19” dichiarano i fondatori del comitato. “Sappiamo di vivere in una realtà tutto sommato favorevole, ma sono molte le persone e le famiglie in difficoltà, anche se in troppi fanno finta di non vederle. Senza aiuto reciproco non “andrà tutto bene”.

Dialogare direttamente con le persone e comprenderne le esigenze, rispondere ai bisogni del territorio e far prendere coscienza alle persone dei propri diritti, difendere lo Stato Sociale dagli interventi di privatizzazione e promuovere economie alternative sostenibili sono solo alcuni degli obiettivi che si sono dati le ragazze ed i ragazzi di Marsciano Solidale.

Il comitato, a forte trazione femminile, ha già organizzato un evento che insieme sarà di autofinanziamento e di presentazione. Infatti sta prendendo vita anche la Rete di Acquisto Popolare Agroalimentare (RAPA), un progetto parallelo che, attraverso il coinvolgimento dei piccoli imprenditori del comprensorio attenti alla salvaguardia dell’ambiente, vuol educare ad un acquisto consapevole e di prossimità i cittadini e, al tempo stesso, raccogliere fondi per aiutare chi ha bisogno di un sostegno economico. Mercoledì 1° luglio, presso il locale “Maca Muta” di Compignano, il progetto verrà presentato ai cittadini.

“Sarà questo il primo passo verso quelle pratiche mutualistiche sulle quali puntiamo decisi, per affidare un ruolo attivo e centrale all’utente e dare vita a scambi reciproci e lavori di rete, come dimostra proprio la cena del 1° luglio”.

Verrà attivato anche un servizio di centralino per raccogliere le richieste e accedere ai servizi di spesa solidale e consulenza legale – “che sono i primi servizi che vogliamo offrire, ma non i soli” – “ma per poterci muovere avremo bisogno dell’aiuto di tutti” dichiarano. Tutti possono entrare nel comitato per dare una mano direttamente o indirettamente, basta visitare la pagina facebook o scrivere alla mail (marscianosolidale@gmail.com). Chi volesse sostenere economicamente il comitato, invece, in attesa che venga attivato un conto per farlo direttamente da bonifico, al momento può effettuare donazioni “a mano”, dietro rilascio di una ricevuta di versamento: attraverso la rendicontazione tutti potranno avere notizie certe sulle attività del comitato.