Silvia Luchetti si dimette da assessore e attacca PSI e Sindaco

Silvia Luchetti si dimette da assessore e attacca PSI e Sindaco

Il Vice Sindaco del Comune di Marsciano Silvia Luchetti ha rassegnato quest’oggi le dimissioni dal suo ruolo; la voce circolava con insistenza da tempo su un eventuale rimpasto di giunta; lo avevamo scritto già a gennaio ed oggi, con le dimissioni dell’assessore in quota PSI, si apre la via a questo rimpasto di giunta.

Silvia Luchetti per annunciare le proprie dimissioni non fa sconti a nessuno andando ad attaccare esponenti del PSI,Roberto Bertini e Sauro Chiattelli in primis ed il Sindaco Alfio Todini, che viene accusato di non averla difesa dai continui attacchi interni che ha ricevuto in questi anni; nella lettera Silvia Luchetti denuncia di essere stata attaccata da Roberto Bertini sin dal suo insediamento, dovendo quindi perdere tempo a replicare a questi attacchi invece che dedicarlo a Marsciano; la lettera si concentra anche sulla mancanza di lealtà, secondo lei, di alcuni esponenti del PSI e punta il dito contro la mancanza di lealtà da parte del consigliere Chiattelli, eletto nelle liste del PSI ma che di fatto non è mai stato parte organica di questa maggioranza.

Le dimissioni quindi vengono dopo quella che Silvia Luchetti definisce una “congiura di palazzo” e punta il dito contro Roberto Bertini, colpevole di aver chiesto più volte la sua cacciata dalla giunta; non sono andati giù all’assessore dimissionario gli attacchi ricevuti in un periodo in cui aveva problemi di salute; con questa lettera, dopo aver già presentato le dimissioni al Sindaco, preannuncia anche il suo allontanamento dal PSI preannunciando di continuare l’impegno politico con forze civiche e riformiste.

Ecco di seguito la lettera integrale:

“In relazione alle vicende che hanno coinvolto l’Amministrazione comunale ed il partito socialista di Marsciano mi sento obbligata oggi a fare alcune riflessioni.

Purtroppo devo prendere atto con amarezza e delusione che fin dal primo giorno in cui il Sindaco Alfio Todini mi ha nominata Vice Sindaco del Comune di Marsciano ad una giovane età ed alla mia prima esperienza amministrativa, il Capogruppo Bertini, presente al contrario in Comune da ben venti anni (a proposito di rinnovamento in politica) ha iniziato una costante e continua azione di delegittimazione e logoramento nei miei confronti, portandomi anche a disperdere tempo ed energie per risanare la situazione anziché investirle su questioni importanti.

Io che mi ero avvicinata alla politica con lealtà e forse con un po’ troppa ingenuità, credevo che rappresentanti dello stesso partito dovessero collaborare e operare insieme per il bene della comunità, evidentemente nel PSI a Marsciano non è così. Io ho cercato, nonostante tutto, in questi anni, molto spesso al di là delle mie forze di resistere e cercare di fare, esclusivamente, nella mia azione quotidiana, il bene dei Marscianesi e di Marsciano con onestà e lealtà. Ma tutto questo, evidentemente, non bastava perché negli ultimi mesi attraverso una vera e propria congiura di palazzo il Capogruppo ha chiesto sempre più ossessivamente al Sindaco Alfio Todini la mia “cacciata” minacciando di non sostenere più l’Amministrazione comunale.

Soprattutto non ci si è fatto scrupoli di farlo, e questa è la cosa che mi ha fatto più male, con articoli sulla stampa e continue richieste di incontri al Sindaco e alla Maggioranza, in una fase molto difficile della mia vita personale, mentre vivevo un serio problema di salute ed ero ricoverata per più di un mese in ospedale. Allo stesso tempo però, resta intoccata e intoccabile la figura del Consigliere Chiattelli del PSI di Marsciano che di fatto, per tutto questo tempo ha espresso, e continua ad esprimere, voto contrario alla Maggioranza. Nessuna remora etica e morale frena chi vive accecato dal potere e dalla propria sfrenata ambizione personale.

Io da questo modo di fare politica che travolge tutto e tutti mi allontano, prendo le distanze. Registro con dispiacere la mancanza di solidarietà e vicinanza che mi aspettavo in questa difficile fase del Sindaco Todini al quale sono stata sempre leale.

Per tali motivi comunico pertanto le mie immediate ed irrevocabili dimissioni da Vice Sindaco. Ringrazio le tantissime Marscianesi ed i tantissimi Marscianesi che mi sono stati e mi sono vicini, gli amici ed i compagni che mi hanno sostenuto in questi anni e mi sostengono Francesco Matteucci, Stefano Zaffera, Virgilio Lipparoni e altri compagni, i colleghi Assessori e tutti i Consiglieri e i dipendenti del Comune di Marsciano.

Dedicherò ora il mio tempo al lavoro, alla famiglia ma cercherò al contempo di mettere a frutto, insieme ai tanti amici che sono vicini, questa mia esperienza politica ed amministrativa al servizio di Marsciano con un percorso riformista e civico collaborando con le Forze Politiche già presenti nel territorio, certa che lo si potrà fare in un clima diverso da quello irrespirabile che c’è nel PSI marscianese, che come quello regionale si è ormai trasformato in un miniclub privato che ha allontanato negli anni oltre gli autorevoli Compagni che ho citato prima tantissimi altri e che resta in piedi ormai solo per tutelare interessi personali di singoli.

Cercherò modestamente e con umiltà di contribuire e costruire insieme ad altri un rinnovato progetto utile alla collettività in vista delle prossime scadenze amministrative per fare di Marsciano un luogo migliore. Certamente è con tristezza e dolore che ho scritto questa lettera ma con la convinzione di poterlo fare a testa alta avendo messo tutta me stessa al servizio della nostra comunità e non avendo mai, mai anteposto altro a questo. Un grazie ed un forte abbraccio prima di tutto e con tutto il cuore alle Marscianesi ed ai Marscianesi”.