Sisma di Spina: interrogazione scritta del M5S

Sisma di Spina: interrogazione scritta del M5S

Leggiamo e riportiamo il testo dell’interrogazione a risposta scritta fatta pervenire da alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell’economia e delle finanze.

“Per sapere – premesso che: 
il 15 dicembre 2009 un terremoto di magnitudo 4.2 ha gravemente lesionato la frazione di Spina nel comune di Marsciano (Perugia); 
purtroppo si sta ripetendo un fatto simile a quanto già accaduto per l’esenzione dell’IMU a carico dei fabbricati resi inagibili dal sisma suddetto; infatti mentre tale esenzione era stata concessa per l’Abruzzo e successivamente per l’Emilia Romagna, per il terremoto di Marsciano, solo dopo molteplici sollecitazioni, gli organi deputati hanno previsto con un provvedimento normativo apposito, inserito nel decreto-legge denominato «Mille Proroghe», che ponesse uguaglianza di trattamento fra il terremoto di Marsciano e gli altri; 
gli interventi di ricostruzione da realizzare da parte dei soggetti privati all’interno del PIR di Spina, saranno assoggettati, permanendo la legislazione vigente e qualora l’importo dei lavori superi un milione di euro, alle previsioni di cui all’articolo 32, comma 1, lettere d) ed e), del codice dei contratti 12 aprile 2006, n. 163, che prevede, per l’affidamento dei lavori, l’applicazione delle complesse procedure valide per i lavori pubblici mentre quelli già autorizzati per l’Abruzzo e l’Emilia Romagna da realizzare sugli immobili privati all’interno del Progetto integrato di recupero (PIR) in questione saranno svolti con atti di natura privatistica; 
trattandosi di contributi in conto dei lavori necessari per le abitazioni danneggiate per portarle ad un livello di sicurezza di almeno il 60 per cento e che i proprietari dovranno comunque sostenere, con propri mezzi, il maggior costo necessario per il completamento degli stessi lavori, è quindi evidente che solo con contratti di natura privatistica sarà possibile garantire l’efficiente ed utile impiego di risorse pubbliche e si potrà garantire un rientro nelle proprie abitazioni in tempi accettabili e celeri; 
a parere degli interroganti, sarebbe più agevole che per cittadini residenti in Umbria, colpiti dal sisma, che hanno subito lo stesso evento calamitoso non debbano sistematicamente richiedere appositi trattamenti in deroga alle leggi già vigenti–: 
quali iniziative anche di tipo normativo in analogia a quanto già attuato per le altre aree colpite da analoghi eventi calamitosi, intenda adottare il Ministro interrogato per favorire e agevolare celermente i processi di ricostruzione e di rinascita delle zone del comune di Marsciano colpite dal recente sisma del 2009.”