Socialisti soddisfatti e insoddisfatti da elezioni e giunta

Socialisti soddisfatti e insoddisfatti da elezioni e giunta

I socialisti si sono riuniti per tracciare un bilancio di questa tornata elettorale e per analizzare anche la nuova giunta nominata proprio ieri dal Sindaco Alfio Todini: all’incontro erano presenti i membri del direttivo del partito, i candidati della lista e l’assessore regionale Silvano Rometti.

Nell’intervista di ieri ad Alfio Todini, Alvaro Angeleri aveva chiesto anche lumi sui rapporti con i socialistidopo la nomina della giunta visto che nei giorni scorsi c’erano stati incontri anche tesi con alcuni rappresentati del partito, soprattutto con Bertini e Chiattelli; in questo comunicato stampa i socialisti tracciano un bilancio a metà, soddisfatti del risultato, soddisfatti della nomina del vice sindaco, preoccupati per la mancanza di collegialità nelle decisioni e propensi a chiedere più incarichi, ma andiamo per ordine.

Nel comunicato stampa si legge che il risultato della lista sinistra e socialisti è visto in modo positivo dal partito, con la conferma di due consiglieri comunali (nonostante il ridimensionamento dei posti) e con la conferma di essere la seconda forza della coalizione; altra soddisfazione, per i socialisti, viene dalla nomina di Silvia Luchetti ad assessore, a cui è andato anche l’incarico di vice sindaco: “alla quale tutto il Partito esprime massimo sostegno, impegnandosi a fornire tutta la collaborazione necessaria”.

Nella seconda parte il comunicato cambia tenore ed iniziano ad emergere alcune perplessità: si legge, infatti, che il partito “ritiene che il risultato elettorale legittimi pienamente la richiesta, già avanzata al Sindaco ed alle altre forze politiche, che alla lista “Sinistra e Socialisti” vengano attribuiti più ruoli istituzionali e che tale rivendicazione, alla quale è stata data una prima risposta negativa – seppur non definitiva – venga con forza reiterata dal Partito nei confronti del Sindaco e dei gruppi consiliari di maggioranza presenti in Consiglio Comunale”.

Un altro elemento su cui chiedono più attenzione è quello della collegialità: i socialisti infatti ritengono che “occorra ribadire che, come precisato da tempo, tutte le principali decisioni interessanti la vita dell’Istituzione comunale debbano essere adottate con piena condivisione da parte di tutti i soggetti presenti nella coalizione, in uno spirito di piena lealtà e correttezza reciproca, senza che vengano minimamente esercitate imposizioni né prevaricazioni di sorta, stigmatizzando eventuali atti di arroganza”.

Un comunicato che probabilmente va letto anche nel quadro parziale che si è creato ora, dove la giunta è stata nominata, dove lo staff del Sindaco ed i suoi collaboratori sono in fase di definizione e dove c’è attesa per il primo consiglio comunale del 30 giugno, quando si voterà anche il nuovo presidente del Consiglio, posto che i socialisti vorrebbero ma sul quale pare non ci sia l’accordo con la coalizione.