Tamponi negativi per una famiglia marscianese

Tamponi negativi per una famiglia marscianese

Una vicenda che dimostra come vanno affrontati dubbi e perplessità sul Coronavirus. Seguire le direttive sanitarie mette al sicuro se stessi e tutta la comunità

E’ finita l’attesa per i tamponi – uno effettuato martedì e uno mercoledì – per la famiglia di 5 persone che era stata messa in isolamento volontario da questo fine settimana. I tue test effettuati hanno dato infatti esito negativo e ora Fabrizio, autotrasportatore di Marsciano, e i suoi familiari possono tornare alla vita di tutti i giorni “infilando le scarpe e andando a fare la spesa”.

E’ stata Umbria24 a seguire la vicenda da vicino, anche se inizialmente non era stato diffuso il comune di residenza della famiglia per non creare inutile allarmismo tra i cittadini. Non volendo Fabrizio è diventato la dimostrazione di come vanno fatte le cose in caso di dubbi riguardo al Coronavirus. L’uomo, infatti, era stato nelle zone interessate dal focolaio nei giorni scorsi e, una volta venuto a conoscenza dei rischi, aveva avvisato le autorità sanitarie, che ne avevano disposto l’isolamento prima e i tamponi di controllo poi. Dopo qualche disagio, la vita torna ai ritmi usuali senza aver messo a rischio l’incolumità della comunità.

Anche se “in questi giorni le chiacchiere sono state tante, anche nel condominio con meno gente del solito che circolava” a Fabrizio devono andare i complimenti per come ha affrontato la situazione. “Gli amici ci sono stati vicini, ci hanno fatto la spesa e sostenuto. Ora potrò riprendere anche a lavorare con la serenità di stare bene, ora per tanti che hanno incertezza io ho tanto di certificato a dimostrarlo».