Un libro a colazione #7

Un libro a colazione #7

Se la sera vi viene sonno leggendo il solito libro, provate questo…

Lo scrittore è una garanzia, perché è il peruviano Mario Vargas Llosa, Premio Nobel 2010 per la letteratura. E “Avventure della ragazza cattiva” è proprio bello, è la storia di un niño bueno (ragazzo buono) che ama alla follia una niña mala (ragazza cattiva).

Lui la ama in maniera totalizzante e incondizionata, lei lo ricambia in modo egoista e spietato, lo prende e lo lascia a piacimento, ricorrendo a lui nel momento del bisogno o nelle pause forzose tra un marito e l’altro, sempre più ricco.

Lo scenario iniziale è la città di Lima, Ricardo e la cilenita s’incontrano a quindici anni, lei è bellissima, corteggiata da tutti i ragazzini ma fa la fa preziosa e non si concede. Si perdono di vista ma poi la “niña mala” ricompare a Parigi, dove nel frattempo Ricardo si è trasferito e da lì gira il mondo come interprete. Capisce subito che la sua non è una cotta adolescenziale perché lei, soltanto lei può essere la donna della sua vita.

Attraverso i racconti di Ricardo seguiamo le vicende della ragazza cattiva, che ricompare in un altro luogo della terra, con un altro nome e un altro aspetto. Lei è una vera trasformista e le sue avventure sono davvero picaresche (qualcuna un po’ esagerata) ma la storia è coinvolgente, Ricardo per certi versi ricorda il Florentino Ariza di Marquez, anche se la sua tenacità ogni tanto vacilla: “basta, questa è l’ultima volta che mi faccio incastrare”.

Vargas Llosa ci incanta con il suo stile limpido e perfetto e intanto ne approfitta per raccontarci il suo Perù, attraverso le lettere di zio Ataúlfo che aggiorna di continuo il suo amato nipote emigrato oltreoceano: ci sono i movimenti rivoluzionari, il golpe, la democrazia, le disillusioni per le speranze disattese. Un romanzo che consiglio a chi ha voglia di bella letteratura.

Buona lettura da @fg_bookish_life e alla prossima!

Mario Vargas Llosa – Avventure della ragazza cattiva (362 p.)
Einaudi, 2006