Un libro a colazione

Un libro a colazione

Ogni domenica un libro da gustare. Inauguriamo questa rubrica a cura di Fabiola Gravina con il Pulizer 2019

Inauguro questa rubrica con uno splendido libro, IL SUSSURRO DEL MONDO di Richard Powers, vincitore del Pulitzer 2019 per la narrativa. Obiettivo dello scrittore è scuotere le coscienze, renderle consapevoli del grido di aiuto che il mondo vegetale sta lanciando.

La prima parte del romanzo è una raccolta di racconti, apparentemente indipendenti, che narrano le vicende degli otto protagonisti, le cui vite sono in qualche modo turbate dall’incontro con le piante. Gli otto personaggi sviluppano un crescente attaccamento agli alberi e alla loro difesa, e rappresentano otto radici che non sanno ancora di essere connesse a un unico fusto. Con grande maestria Powers incrocia i loro destini, tessendo una rete di sentimenti e ideali condivisi. La lotta per la causa comune – salvare gli alberi millenari – li spingerà a diventare attivisti, a compiere azioni al limite della legalità fino alla disobbedienza civile.

Il sussurro del mondo è un romanzo assolutamente necessario in questi tempi in cui (finalmente) si avverte la necessità di ristabilire il legame tra uomo e natura, ritrovare il rispetto che le foreste chiedono. È un libro pieno di magia, con un potere ammaliante cui è difficile sottrarsi. Dopo averlo letto sarà impossibile passare con indifferenza davanti a una pianta: sentirete fremere ogni radice, ogni ramo, ogni foglia. Il Mondo Vegetale invia segnali e sussurra richieste di aiuto, implora buon senso e ragionevolezza, sta a noi ascoltare o ignorare. Pensiamoci.

Buona lettura da @fg_bookish_life e alla prossima!

Richard Powers, Il sussurro del mondo (658 p.)
Editore: La nave di Teseo, 2019