“Se questo è un uomo” rivive ai Giardini Orosei

“Se questo è un uomo” rivive ai Giardini Orosei

Domani, sabato 27 gennaio, sarà la Giornata della memoria, una giornata celebrativa per ricordare la liberazione del lager di Auschwitz da parte dell’Armata Rossa, ma soprattutto per non dimenticare le atrocità del regime nazi-fascista nei confronti delle minoranze. Una piaga che in questi ultimi anni è tornata prepotentemente “di moda” con i rigurgiti fascisti e autoritari non solo in Italia, ma in tutta Europa.

In Italia il 27 gennaio è diventato sinonimo di “Giorno della Memoria” già nel 2000, si puntò allora a commemorare il sacrificio di quanti sotto il fascismo caddero vittime delle leggi razziali, delle discriminazioni, delle deportazioni e delle uccisioni sommarie: era il 20 luglio e la legge 211 istituiva questa solenne commemorazione. Nel 2005 la data divenne ricorrenza internazionale grazie alla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

A Marsciano, oggi come allora, la “Giornata della Memoria” verrà commemorata con eventi ufficiali nella stessa giornata e nei giorni a seguire (come l’incontro con Nando Tagliacozzo che racconterà il rastrellamento del ghetto di Roma). Sabato 27 gennaio, dalle 10.00 alle 18.00, una staffetta per la lettura del libro “Se questo è un uomo” di Primo Levi sarà la protagonista presso i giardini Orosei: chiunque fosse interessato a partecipare come lettore potrà recarsi sul luogo nell’orario di svolgimento dell’evento.

COMMENTS

DISQUS: 0