Variante Ammeto: MD divisa sul voto. Ecco i perché

Variante Ammeto: MD divisa sul voto. Ecco i perché

Ranieri e Cavalletti, consiglieri comunali in quota Marsciano Democratica insieme a Umbrico, hanno preso la parola durante le dichiarazioni di voto sulla variante al piano regolatore per il parco commerciale di Ammeto, ma pur stando nelle stesse fila le opinioni sono state decisamente discordanti. Un voto che non è passato inosservato, soprattutto in clima da campagna elettorale, ma a rasserenare gli avversari ci ha pensato subito il candidato sindaco di MD, rivolgendosi in prima persona al consigliere di Altra Marsciano Yuri Capoccia: “vi rassicuro – ha detto Cavalletti – che MD, non essendo fascista né comunista, può avere al suo interno opinioni diverse e pur non condividendo la posizione di Ranieri ne accettiamo il voto favorevole”.

Sì perché Sabatino Ranieri, ammetano doc, non è parso vedere punti critici in questo progetto che prevede strutture ricreative, commerciali e residenziali – o di servizi – in quella che è l’area più ricca di centro commerciali del comune. Dopo aver snocciolato i benefici della variante, che ridurrebbe la SUC (superficie utile calpestabile) residenziale e industriale, Ranieri punta l’attenzione su due possibili problematiche quali la viabilità e il “riscontro di queste nuove attività sul centro di Marsciano”. Ma al netto del ragionamento, dice l’ex candidato sindaco, “eliminiamo un edificio fatiscente – e per questo bisogna pagare qualche piccolo pegno – , abbiamo una notevole riduzione della superficie residenziale e una nuova attività ricreativo-sportiva”. Ripetendo poi più volte come ritenga questo progetto “una cosa importante per l’Ammeto”, Ranieri conclude il suo ragionamento intravedendo per quella zona “più che un centro commerciale un centro servizi”, ma lasciando al tempo stesso la porta aperta a futuri ripensamenti: “se mi dovessi sbagliare sono pronto a cambiare la mia idea in sede di piano attuativo”.

Ben diversa e molto meno permissiva è stata la posizione di Carlo Cavalletti, neo candidato sindaco della lista. “Dobbiamo votare subito, anche se alcune forze politiche hanno bisogno di temi per la campagna elettorale – ha stoccato ancora una volta verso Altra Marsciano – ma tanto questo tema resterà nella campagna elettorale”.

“Quando si tratta di aiutare chi vuole costruire viene tutto molto facile, mentre vediamo meno attenzione quando si devono aiutare altre attività”. Con questo attacco Cavalletti ha chiesto all’Amministrazione di smettere di pensare solo al quartiere Ammeto (“il centro storico è nelle condizioni in cui si è venuto a trovare dopo il trasferimento della Coop” ha ribadito) e al tempo stesso ha confermato il voto contrario alla variante, così come avvenuto 4 anni fa.

Poi un ultimo attacco agli avversari. “Vogliamo tranquillizzare chi pensa alla campagna elettorale chiedendo cosa fanno le opposizioni, perché pensiamo che ognuno dovrebbe guardare al proprio orticello. Quando si prendono le decisioni ognuno se ne prende la responsabilità. E Sabatino (Ranieri, ndr) si è preso la responsabilità delle sue opinioni”.

COMMENTS

DISQUS: 0